domenica 30 settembre 2007

 The Macca Compilation (?)



Mi sa che l'idea non è per niente nuova, ma mi chiedo il perchè.
In pratica un cd “anti” relax, per mettere, in sottofondo, i rumori di un ufficio: per quelli che lavorano a casa e vogliono far credere di avere un'Azienda, o, semplicemente, di far parte di una grossa Società.
Siccome di casino ce n'è fin troppo, il Macca vi propone un'alternativa.
A chi lo richiede, invierò un cd assolutamente vuoto.
Così, magari, ci rendiamo conto che il silenzio, spesso, è una gran cosa.
Poi, se volete metterci altro, cavoli Vostri.
Io non m'arrabbio.
“Fortunatamente, rispetto un regime di droghe piuttosto rigido per mantenere la mente, diciamo, flessibile (come dice il Guru, altrochè Grillo)”.
 The Macca Compilation (?)



Mi sa che l'idea non è per niente nuova, ma mi chiedo il perchè.
In pratica un cd “anti” relax, per mettere, in sottofondo, i rumori di un ufficio: per quelli che lavorano a casa e vogliono far credere di avere un'Azienda, o, semplicemente, di far parte di una grossa Società.
Siccome di casino ce n'è fin troppo, il Macca vi propone un'alternativa.
A chi lo richiede, invierò un cd assolutamente vuoto.
Così, magari, ci rendiamo conto che il silenzio, spesso, è una gran cosa.
Poi, se volete metterci altro, cavoli Vostri.
Io non m'arrabbio.
“Fortunatamente, rispetto un regime di droghe piuttosto rigido per mantenere la mente, diciamo, flessibile (come dice il Guru, altrochè Grillo)”.
 The Macca Compilation (?)



Mi sa che l'idea non è per niente nuova, ma mi chiedo il perchè.
In pratica un cd “anti” relax, per mettere, in sottofondo, i rumori di un ufficio: per quelli che lavorano a casa e vogliono far credere di avere un'Azienda, o, semplicemente, di far parte di una grossa Società.
Siccome di casino ce n'è fin troppo, il Macca vi propone un'alternativa.
A chi lo richiede, invierò un cd assolutamente vuoto.
Così, magari, ci rendiamo conto che il silenzio, spesso, è una gran cosa.
Poi, se volete metterci altro, cavoli Vostri.
Io non m'arrabbio.
“Fortunatamente, rispetto un regime di droghe piuttosto rigido per mantenere la mente, diciamo, flessibile (come dice il Guru, altrochè Grillo)”.

sabato 29 settembre 2007

 Университет, который нужно выпить
   
(Università da bere)




Piove. Improponibile usare l'auto: il che può essere anche una fortuna. Autobus.
Sale una ragazza e in dieci secondi netti inizia ad urlare (normale) nel cellulare.
Diciamo che, visto il traffico di quelli che non si possono bagnare neanche le suole delle scarpe, il bus ci metta otto minuti, anziché, cinque per arrivare alla “mia” fermata.
In questi otto minuti, la ragazza, Universitaria (lo sanno tutti, ormai, anche quelli sul marciapiede, tale è il volume della conversazione), fa tre telefonate: una a Maria (mi pare), una a Sabrina e l'altra a Sonia.
Alla fine di ogni chiamata la conclusione è:
- Allora ci vediamo alle X, così beviamo una cosa e poi andiamo in facoltà.
D'accordo che l'Università Italiana è messa male, ma non immaginavo che bisognasse per forza essere ubriachi per sopportarla.

L'editor di "Splinder" continua a fare veramente schifo. E' un dato di fatto, non di ingratitudine.

Anselm Kiefer, "Book With Wings", 1992-94, Modern Art Museum of Forth Worth.
 Университет, который нужно выпить
   
(Università da bere)




Piove. Improponibile usare l'auto: il che può essere anche una fortuna. Autobus.
Sale una ragazza e in dieci secondi netti inizia ad urlare (normale) nel cellulare.
Diciamo che, visto il traffico di quelli che non si possono bagnare neanche le suole delle scarpe, il bus ci metta otto minuti, anziché, cinque per arrivare alla “mia” fermata.
In questi otto minuti, la ragazza, Universitaria (lo sanno tutti, ormai, anche quelli sul marciapiede, tale è il volume della conversazione), fa tre telefonate: una a Maria (mi pare), una a Sabrina e l'altra a Sonia.
Alla fine di ogni chiamata la conclusione è:
- Allora ci vediamo alle X, così beviamo una cosa e poi andiamo in facoltà.
D'accordo che l'Università Italiana è messa male, ma non immaginavo che bisognasse per forza essere ubriachi per sopportarla.

L'editor di "Splinder" continua a fare veramente schifo. E' un dato di fatto, non di ingratitudine.

Anselm Kiefer, "Book With Wings", 1992-94, Modern Art Museum of Forth Worth.
 Университет, который нужно выпить
   
(Università da bere)




Piove. Improponibile usare l'auto: il che può essere anche una fortuna. Autobus.
Sale una ragazza e in dieci secondi netti inizia ad urlare (normale) nel cellulare.
Diciamo che, visto il traffico di quelli che non si possono bagnare neanche le suole delle scarpe, il bus ci metta otto minuti, anziché, cinque per arrivare alla “mia” fermata.
In questi otto minuti, la ragazza, Universitaria (lo sanno tutti, ormai, anche quelli sul marciapiede, tale è il volume della conversazione), fa tre telefonate: una a Maria (mi pare), una a Sabrina e l'altra a Sonia.
Alla fine di ogni chiamata la conclusione è:
- Allora ci vediamo alle X, così beviamo una cosa e poi andiamo in facoltà.
D'accordo che l'Università Italiana è messa male, ma non immaginavo che bisognasse per forza essere ubriachi per sopportarla.

L'editor di "Splinder" continua a fare veramente schifo. E' un dato di fatto, non di ingratitudine.

Anselm Kiefer, "Book With Wings", 1992-94, Modern Art Museum of Forth Worth.

venerdì 28 settembre 2007

 Men At Work



Oggi, dopo otto anni di onorato e duro lavoro, potrebbero cambiare un pò di cose.
Perciò, amigos del Macca, siatemi vicini.
Avete varie maniere per farlo:
♦ con il pensiero positivo;
♦ con il pensiero negativo (e tanto tutto torna);
♦ con prodotti tipici della Vostra Regione (gradite le bottiglie);
♦ con donazioni in valuta corrente (chiedere, a parte, il numero di conto);
♦ con brindisi di buon augurio da consumarsi esclusivamente nei luoghi di lavoro ed in orario non consentito.
O solamente con un pò di apostolica pazienza.
See you later (dopo pranzo, almeno).

Up-date (ore 19.15): tutto abbastanza bene. Grazie del sostegno, ha funzionato. Poco importa se non avete "donato": la richiesta rimane valida. Almeno finchè non si abbassa l'ICI, no?

AFRO, "Cera persa", 1957, MART Rovereto.
 Men At Work



Oggi, dopo otto anni di onorato e duro lavoro, potrebbero cambiare un pò di cose.
Perciò, amigos del Macca, siatemi vicini.
Avete varie maniere per farlo:
♦ con il pensiero positivo;
♦ con il pensiero negativo (e tanto tutto torna);
♦ con prodotti tipici della Vostra Regione (gradite le bottiglie);
♦ con donazioni in valuta corrente (chiedere, a parte, il numero di conto);
♦ con brindisi di buon augurio da consumarsi esclusivamente nei luoghi di lavoro ed in orario non consentito.
O solamente con un pò di apostolica pazienza.
See you later (dopo pranzo, almeno).

Up-date (ore 19.15): tutto abbastanza bene. Grazie del sostegno, ha funzionato. Poco importa se non avete "donato": la richiesta rimane valida. Almeno finchè non si abbassa l'ICI, no?

AFRO, "Cera persa", 1957, MART Rovereto.
 Men At Work



Oggi, dopo otto anni di onorato e duro lavoro, potrebbero cambiare un pò di cose.
Perciò, amigos del Macca, siatemi vicini.
Avete varie maniere per farlo:
♦ con il pensiero positivo;
♦ con il pensiero negativo (e tanto tutto torna);
♦ con prodotti tipici della Vostra Regione (gradite le bottiglie);
♦ con donazioni in valuta corrente (chiedere, a parte, il numero di conto);
♦ con brindisi di buon augurio da consumarsi esclusivamente nei luoghi di lavoro ed in orario non consentito.
O solamente con un pò di apostolica pazienza.
See you later (dopo pranzo, almeno).

Up-date (ore 19.15): tutto abbastanza bene. Grazie del sostegno, ha funzionato. Poco importa se non avete "donato": la richiesta rimane valida. Almeno finchè non si abbassa l'ICI, no?

AFRO, "Cera persa", 1957, MART Rovereto.

giovedì 27 settembre 2007

 Bradipi



Eh, beh, ragazzi, non sempre si può ridere.
Magari.
Notizia bella (bellina): l'Italia ha abolito del tutto la pena di morte dalla propria Costituzione. Resisteva, imperituro e fiero, un codicillo che ammetteva tale ignominia in tempo di guerra (guerra dove?).
Meglio tordi che mais: ovvero, un po' di ciccia, finalmente.
Notizia brutta: per la Libertà in Birmania (o come si chiama adesso), i Monaci ci stanno rimettendo la vita.
I Santi in Paradiso non sempre aiutano, purtroppo.

Avrò un paio di giorni impegnativi: poi passo da tutti gli amici di questo Bloghettino. Grazie, grazie, grazie.
Chissà se siete deducibili dal 730.

Kiki Smith, "Blue Girl", 1998, Private Collection, New York.
 Bradipi



Eh, beh, ragazzi, non sempre si può ridere.
Magari.
Notizia bella (bellina): l'Italia ha abolito del tutto la pena di morte dalla propria Costituzione. Resisteva, imperituro e fiero, un codicillo che ammetteva tale ignominia in tempo di guerra (guerra dove?).
Meglio tordi che mais: ovvero, un po' di ciccia, finalmente.
Notizia brutta: per la Libertà in Birmania (o come si chiama adesso), i Monaci ci stanno rimettendo la vita.
I Santi in Paradiso non sempre aiutano, purtroppo.

Avrò un paio di giorni impegnativi: poi passo da tutti gli amici di questo Bloghettino. Grazie, grazie, grazie.
Chissà se siete deducibili dal 730.

Kiki Smith, "Blue Girl", 1998, Private Collection, New York.
 Bradipi



Eh, beh, ragazzi, non sempre si può ridere.
Magari.
Notizia bella (bellina): l'Italia ha abolito del tutto la pena di morte dalla propria Costituzione. Resisteva, imperituro e fiero, un codicillo che ammetteva tale ignominia in tempo di guerra (guerra dove?).
Meglio tordi che mais: ovvero, un po' di ciccia, finalmente.
Notizia brutta: per la Libertà in Birmania (o come si chiama adesso), i Monaci ci stanno rimettendo la vita.
I Santi in Paradiso non sempre aiutano, purtroppo.

Avrò un paio di giorni impegnativi: poi passo da tutti gli amici di questo Bloghettino. Grazie, grazie, grazie.
Chissà se siete deducibili dal 730.

Kiki Smith, "Blue Girl", 1998, Private Collection, New York.

mercoledì 26 settembre 2007

 No Money, No Army!


 



 


- Ciao. Posso chiederti una cosa?
- Certo.
- Senti, io devo firmare la mobilità Venerdì, ma mi hanno detto che debbo pagare una certa somma perchè non sono iscritta al Sindacato.
- Purtroppo è vero.
- E quant'è?
- Beh, per la XXXX sono 50€.
- La YYYY mi chiede di più.
- Lo so.
- Come mai Voi di meno?
- Cerchiamo di venire incontro ai lavoratori.
- Ah. Io firmerei con Voi, allora, ma non sono Comunista.
- E allora?
- Voi siete Comunisti, vero?
- Stiamo a Sinistra...
- Allora io pago, ma tu mi scrivi che i soldi che vi dò non ve li spendete per le canne o per comprare armi
all'Unione Sovietica®
-
Vabbè...(Unione Sovietica®?).

®: mi sa che con 50€ se ne comprano pochine, di armi.



Sven Nillson, "Untitled", 2006, Goteborg Konstmuseum.

P.S.: l'editor di "Splinder" stamattina s'è svegliato torto, e un pò testa di cazzo.


 No Money, No Army!


 



 


- Ciao. Posso chiederti una cosa?
- Certo.
- Senti, io devo firmare la mobilità Venerdì, ma mi hanno detto che debbo pagare una certa somma perchè non sono iscritta al Sindacato.
- Purtroppo è vero.
- E quant'è?
- Beh, per la XXXX sono 50€.
- La YYYY mi chiede di più.
- Lo so.
- Come mai Voi di meno?
- Cerchiamo di venire incontro ai lavoratori.
- Ah. Io firmerei con Voi, allora, ma non sono Comunista.
- E allora?
- Voi siete Comunisti, vero?
- Stiamo a Sinistra...
- Allora io pago, ma tu mi scrivi che i soldi che vi dò non ve li spendete per le canne o per comprare armi
all'Unione Sovietica®
-
Vabbè...(Unione Sovietica®?).

®: mi sa che con 50€ se ne comprano pochine, di armi.



Sven Nillson, "Untitled", 2006, Goteborg Konstmuseum.

P.S.: l'editor di "Splinder" stamattina s'è svegliato torto, e un pò testa di cazzo.


 No Money, No Army!


 



 


- Ciao. Posso chiederti una cosa?
- Certo.
- Senti, io devo firmare la mobilità Venerdì, ma mi hanno detto che debbo pagare una certa somma perchè non sono iscritta al Sindacato.
- Purtroppo è vero.
- E quant'è?
- Beh, per la XXXX sono 50€.
- La YYYY mi chiede di più.
- Lo so.
- Come mai Voi di meno?
- Cerchiamo di venire incontro ai lavoratori.
- Ah. Io firmerei con Voi, allora, ma non sono Comunista.
- E allora?
- Voi siete Comunisti, vero?
- Stiamo a Sinistra...
- Allora io pago, ma tu mi scrivi che i soldi che vi dò non ve li spendete per le canne o per comprare armi
all'Unione Sovietica®
-
Vabbè...(Unione Sovietica®?).

®: mi sa che con 50€ se ne comprano pochine, di armi.



Sven Nillson, "Untitled", 2006, Goteborg Konstmuseum.

P.S.: l'editor di "Splinder" stamattina s'è svegliato torto, e un pò testa di cazzo.


martedì 25 settembre 2007

 Che ci fanno lì?

(Dialogo acquisito alla macchina del caffè).
- Hai sentito? Hanno liberato i due Italiani in Aghanistan.
- Bene!
- Eh, ma non erano militari.
- Ah no?
- No, sono del "Sismi".
- E che ci fa il Vaticano lì?

(Che, poi, la cosa si può vedere anche in questa maniera...).

Peter Bonde, LFH, 1993, Arken Museum, Ishøj.




 Che ci fanno lì?

(Dialogo acquisito alla macchina del caffè).
- Hai sentito? Hanno liberato i due Italiani in Aghanistan.
- Bene!
- Eh, ma non erano militari.
- Ah no?
- No, sono del "Sismi".
- E che ci fa il Vaticano lì?

(Che, poi, la cosa si può vedere anche in questa maniera...).

Peter Bonde, LFH, 1993, Arken Museum, Ishøj.




 Che ci fanno lì?

(Dialogo acquisito alla macchina del caffè).
- Hai sentito? Hanno liberato i due Italiani in Aghanistan.
- Bene!
- Eh, ma non erano militari.
- Ah no?
- No, sono del "Sismi".
- E che ci fa il Vaticano lì?

(Che, poi, la cosa si può vedere anche in questa maniera...).

Peter Bonde, LFH, 1993, Arken Museum, Ishøj.




lunedì 24 settembre 2007

 Neighbors


-Guarda, sta lavando la macchina. Anzi la pulisce dentro, il coglione©!
-Ma l'ha pulita ieri.
-Che ti devo dire?
-Cosa ci farà, da sporcarla tanto?
-Secondo me perde i capelli.
-O pezzettini di cervello, visto il soggetto.
-Allora ne avrà per poco.
-Sì. Vado a vedere le previsioni del tempo: c'è il caso che pensi al suicidio, se gli piove sul tettuccio.

©: tutti di diritti riservati. Coglione vero.

George Baselitz, "Bilddreiundzwanzig", 1993, Sprengel Museum Hannover.

 Neighbors


-Guarda, sta lavando la macchina. Anzi la pulisce dentro, il coglione©!
-Ma l'ha pulita ieri.
-Che ti devo dire?
-Cosa ci farà, da sporcarla tanto?
-Secondo me perde i capelli.
-O pezzettini di cervello, visto il soggetto.
-Allora ne avrà per poco.
-Sì. Vado a vedere le previsioni del tempo: c'è il caso che pensi al suicidio, se gli piove sul tettuccio.

©: tutti di diritti riservati. Coglione vero.

George Baselitz, "Bilddreiundzwanzig", 1993, Sprengel Museum Hannover.

 Neighbors


-Guarda, sta lavando la macchina. Anzi la pulisce dentro, il coglione©!
-Ma l'ha pulita ieri.
-Che ti devo dire?
-Cosa ci farà, da sporcarla tanto?
-Secondo me perde i capelli.
-O pezzettini di cervello, visto il soggetto.
-Allora ne avrà per poco.
-Sì. Vado a vedere le previsioni del tempo: c'è il caso che pensi al suicidio, se gli piove sul tettuccio.

©: tutti di diritti riservati. Coglione vero.

George Baselitz, "Bilddreiundzwanzig", 1993, Sprengel Museum Hannover.

domenica 23 settembre 2007

 Crying Baby!



I due pianti di bambini più irritanti della storia del Cinema.
Ebbene.
Il primo è quello del bimbo che viene faticosamente trasportato nella carrozzina lungo le scale della stazione ne “Gli Intoccabili”, di Brian De Palma.
Chiaro omaggio alla “Corazzata Potëmkin”, nella scena viene sballonzolato dalla madre, finchè non arriva Ness a dare una mano: ovviamente strilla così forte che ti fa passare la voglia di vedere come va a finire (e si sa...due!).
Stizzente (se si può dire).
Il secondo è quello, continuo, di Dakota Fanning nel remake de “La Guerra dei Mondi” di Spielberg.
Il personaggio della figlia del protagonista è, evidentemente, isterica: non solo ansiosa, malaticcia, supponente e rompicoglioni, ma urlatrice di professione.
Per tutto il film, spaventata a morte, fa venire voglia che gli Alieni se la portino via e amen.
Il che accade, ma il Papà (Cruise) se la va pure a riprendere.
E tu lì che speri che arrivi uno, qualsiasi, a dirgli che è stata adottata.
E di piantarla.
Per sempre.

Up-date 1: oggi i cucchiaini sono solo 9, mia moglie deve essere stanca.
Up-date 2: ho cancellato, assolutamente per errore, due "Amici" dall'elenco. Perciò, se qualcuno se ne accorge, me lo faccia sapere: io non so chi ho eliminato!

Andy Warhol, "Red Disaster", 1963-1985, Museum Of Fine Art, Boston.
 Crying Baby!



I due pianti di bambini più irritanti della storia del Cinema.
Ebbene.
Il primo è quello del bimbo che viene faticosamente trasportato nella carrozzina lungo le scale della stazione ne “Gli Intoccabili”, di Brian De Palma.
Chiaro omaggio alla “Corazzata Potëmkin”, nella scena viene sballonzolato dalla madre, finchè non arriva Ness a dare una mano: ovviamente strilla così forte che ti fa passare la voglia di vedere come va a finire (e si sa...due!).
Stizzente (se si può dire).
Il secondo è quello, continuo, di Dakota Fanning nel remake de “La Guerra dei Mondi” di Spielberg.
Il personaggio della figlia del protagonista è, evidentemente, isterica: non solo ansiosa, malaticcia, supponente e rompicoglioni, ma urlatrice di professione.
Per tutto il film, spaventata a morte, fa venire voglia che gli Alieni se la portino via e amen.
Il che accade, ma il Papà (Cruise) se la va pure a riprendere.
E tu lì che speri che arrivi uno, qualsiasi, a dirgli che è stata adottata.
E di piantarla.
Per sempre.

Up-date 1: oggi i cucchiaini sono solo 9, mia moglie deve essere stanca.
Up-date 2: ho cancellato, assolutamente per errore, due "Amici" dall'elenco. Perciò, se qualcuno se ne accorge, me lo faccia sapere: io non so chi ho eliminato!

Andy Warhol, "Red Disaster", 1963-1985, Museum Of Fine Art, Boston.
 Crying Baby!



I due pianti di bambini più irritanti della storia del Cinema.
Ebbene.
Il primo è quello del bimbo che viene faticosamente trasportato nella carrozzina lungo le scale della stazione ne “Gli Intoccabili”, di Brian De Palma.
Chiaro omaggio alla “Corazzata Potëmkin”, nella scena viene sballonzolato dalla madre, finchè non arriva Ness a dare una mano: ovviamente strilla così forte che ti fa passare la voglia di vedere come va a finire (e si sa...due!).
Stizzente (se si può dire).
Il secondo è quello, continuo, di Dakota Fanning nel remake de “La Guerra dei Mondi” di Spielberg.
Il personaggio della figlia del protagonista è, evidentemente, isterica: non solo ansiosa, malaticcia, supponente e rompicoglioni, ma urlatrice di professione.
Per tutto il film, spaventata a morte, fa venire voglia che gli Alieni se la portino via e amen.
Il che accade, ma il Papà (Cruise) se la va pure a riprendere.
E tu lì che speri che arrivi uno, qualsiasi, a dirgli che è stata adottata.
E di piantarla.
Per sempre.

Up-date 1: oggi i cucchiaini sono solo 9, mia moglie deve essere stanca.
Up-date 2: ho cancellato, assolutamente per errore, due "Amici" dall'elenco. Perciò, se qualcuno se ne accorge, me lo faccia sapere: io non so chi ho eliminato!

Andy Warhol, "Red Disaster", 1963-1985, Museum Of Fine Art, Boston.

sabato 22 settembre 2007

 Contabilità



Ieri sera ho lavato 15 (quindici) cucchiaini.
Siamo in tre, qui.
Ammettiamo che mia figlia ne abbia usati due, uno a colazione ed uno a cena.
Ne restano 13.
Facciamo che io e mia moglie beviamo due caffè al giorno (in casa): fa 4 cucchiaini, chè si sciala, và.
Ne restano 9.
Ora, tra pranzo e cena, non so bene per cosa, ipotizziamo che ne usiamo altri 3.
E siamo a 6.
Nell'arco della giornata può capitare la visita di un amico o di un vicino (non “il rompicoglioni”: per quello è pronto il peperoncino sulla porta..) e si usa un altro cucchiaino.
5, ne rimangono cinque.
Se io avessi un'amichetta, nell'assurda ipotesi che uno come me ci riesca, e pensando di fare i maialini (Nutella, gelati, cosine così), ma pur sempre educati, potremmo averne usati altri due.
E siamo a 3.
Chè io abbia sempre sottovalutato il fascino di mia moglie?