venerdì 7 dicembre 2007

 Roman Notes




√ L'immondizia non offende più nessuno: fa parte del paesaggio.

√ Le auto Blu non sono più Blu, ma tutte grigie e straniere. Decine di poliziotti, che avrebbero altro da fare, gli corrono davanti. Qualche volta dietro.

√ Un tramonto dal “Vittoriale” ti fa credere che Dio potrebbe esistere.

√ I Romani parlano in Romanesco, grazie al cielo.

√ I Romani mangiano tanto. A me va benissimo.

√ Mia sorella è come me l'aspettavo, e anche di più. Belle persone fanno bello anche quello che sta intorno.

√ Le precedenze, in auto, sono personalizzabili.

√ I turisti fanno i turisti, purtroppo.

√ La “Garbatella”, costruita da Benito, è adesso piena di “Comunisti”. Tiè.

√ Confessioni:
- mi sono commosso davanti al casco di David Bowman;
- la macchina da scrivere di “The Shining” fa paura, anche dal vero;
- Kubrick era un genio;
- Rothko anche;
- la "Pop Art" ha ancora molto da dire;
- non mi sono confessato in nessuna delle quattro Basiliche.

√ A Roma non c'è traccia dei Laziali (sono tutti Romanisti?).

√ Non ho visto Ualtèr: avesse avuto degli impegni?

√ Ci sono 312 scalini per arrivare in cima al “Cupolone”, ma il cielo resta lontano.

Foto: fatta io.