sabato 8 novembre 2008

 I'm Not Here



Vorrei fare, se permettete, una chiosa alle due righe di ieri. Per me, in questo caso, non è in questione una simpatia/antipatia nei confronti del Sig. Berlusconi. Io sto all'opposizione, lo sapete, si sa, forse anche la "Digos" ne ha idea. Perciò questo Signore è un avversario Politico. Non lo odio, perchè dovrei? Non lo apprezzo, certo, ma cerco di avere il rispetto che si deve a tutti, per primi agli avversari. Ora, se mi dà del "coglione", e non è la prima volta, se si comporta nei Rapporti Internazionali come ha fatto nei giorni scorsi, se si permette di dire cose che a me neanche mio Padre oserebbe rivolgere, io mi sento offeso come Cittadino. Non come suo Elettore, ma come persona rappresentata da Lui. Non mi va che questo accada, ma tant'è: ha vinto, deve fare il suo mestiere. Però, adesso, io non mi sento in nessuna maniera difeso, valorizzato, semplicemente rispettato da questo Capo del Governo. Perciò, da adesso, non lo riconosco nè come mio pari, nè, tantomeno, come mio rappresentante, nè in Patria, nè all'Estero. Mi rendo conto che non gliene può fregare di meno di me, ma la cosa è reciproca, e lo sarà fino a quando non capirà che il Senso dello Stato, che il rispetto, la misura, l'educazione sono qualità Universali e dovute. Da Lui anche maggiormente.

Art & Language (Terry Atkinson e Michael Baldwin), "Ten Postcards", 1977, Tate Collection, London