martedì 11 settembre 2012

Senza paracadute




E' evidente che siamo in caduta libera. Se i consumi primari scendono del 10%, c'è un'unica ricetta per ricominciare (pare che Settembre serva a questo, chè l'estate è altro): aumentare le ore di lavoro e detassare sul serio questo comparto. La manifestazione dei lavoratori dell' "Alcoa" potrebbe replicarsi per migliaia di aziende, migliaia di lavoratori e di famiglie. Mentre Monti gira come una trottola e quelli che si definiscono politici fanno le feste e i proclami, la realtà diventa sempre più dura da affrontare per chi non ha armi dialettiche così ben pagate. In fondo lo "spread", i "bond" e tutte le altre cose portano a cose concrete, come quelle che si affrontano sul vero campo di battaglia: il quotidiano. E' sempre quella la differenza, come succede da secoli, storicamente e vigliaccamente. Non sapere a chi rivolgersi, non avere nè porte, nè tanto meno portoni, a molti sembra quasi una scusa: come a dire "datevi da fare, mica ci può pensare lo Stato, a tutto. E se in questo una parte di verità esiste, c'è anche il lato umano, che non si quantifica con il denaro rubato al lavoro e alla crescita. Quest'ultima parola, così abusata, è la chimera di un sistema inesistente e, pertanto, bugiardo. Mentire e incassare sembra essere diventato il gioco meglio riuscito a questo Governo.
A quello che lo sostituirà non resta che continuare a balloccarsi.
I sacrificabili siamo Noi.