Passa ai contenuti principali
 Caccia alla fatina



Titolo: “Winx, il Film – Il segreto del Regno Perduto”.
Genere: animazione.
Produzione: Italia, 2007 – durata: 100' – Colore.

Sinossi: ma che, scherziamo? Non si può raccontare un film così. Pensato per una platea di bambini e/o ragazzini casinisti (accompagnati dalle mamme, peggio di loro), è talmente banale che a raccontarlo ci si vergogna un po'. Tecnicamente è distante duemila anni dai film d'animazione elettronica Americani ("Pixar" in testa); questioni di budget, ma anche d'inventiva. Non conoscevo la storia delle “Winx”, ma le situazioni, i personaggi, le ambientazioni sono trite e ritrite, svenevoli i dialoghi (io capisco semplificare, ma c'è un limite, se non altro per rispetto all'intelligenza minima anche di una bambina...) e perfettamente inutile la colonna sonora. Un guazzabuglio di dieci o quindici altri racconti (dal “Signori degli Anelli” a “Star Wars”), mischiati con semplicità e con stacchi del tutto forzati. Amen.

La frase: “Questa è la spada più intrepida che abbia mai fatto” (sich!).

Note: per fortuna, e con l'esperienza, abbiamo scelto un orario per cui c'era davvero poca gente. I più scatenati erano tre ragazzetti, con madri simil-giovanili chioccianti, che si esaltavano alla vista delle sei fatine (c'entrano le auto-reggenti?). La proiezione era in digitale e questa è l'unica cosa positiva. Ho sbadigliato 26 volte (contate) e credo di aver fatto almeno una pennica di cinque minuti (non ricordo nulla del duello a metà film, ma potrei averlo rimosso volontariamente...). Il mio amico, padre dell'altra bambina che era con noi, ha dormito spudoratamente.

Giudizio finale: senza voto, è stato un puro atto d'eroismo.




Commenti

  1. Un vero capolavoro. Grazie per avermi avvertito.

    RispondiElimina
  2. nn avrai mica russato, no?credo che i film d'animazione tipo re leone o il libro della giungla siano di gran lunga migliori...felice di risentirti anche se oggi e' una giornata uggiosa....da cinema appunto!

    RispondiElimina
  3. a volte è davvero dura essere padri.

    sei ritornato? tutto ok?

    RispondiElimina
  4. Secondo me hai detto una cosa molto vera, a volte si "isnulta" l'intelligenza dei bambini, che sono in grado di capire di più e meritrebbero più qualità... Ma per chi produce non ha questo in mente... Un abbraccio, Giulia

    RispondiElimina
  5. intanto mi compiaccio nel vedere che sono solo la quinta commentatrice, mi complimento perchè leggere "sinossi" mi cala in una dimensione che conosco, di casa, che bello...

    sei tornato finalmente, mi mancava un po' quel goodman memorabile tra le faccine dei commenti...

    ciao ciao

    RispondiElimina
  6. Preferisco le favole che scrivo, dove ci inserisco la storia antica, la natura, la poesia, le fate e folletti, e facciamo anche le immagini, mio nipote si diverte tanto. Un bacione Daniele buona serata franca

    RispondiElimina
  7. gli atti di eroismo servono: glieli puoi rinfacciare quando cresce ;-)))

    RispondiElimina
  8. sei mmistico........................................

    RispondiElimina
  9. Onore al tuo sacrificio paterno!

    RispondiElimina
  10. ecco, adesso so cosa mi aspetta prossimamente. A scuola me lo hanno già chiesto in molti se possono portare il film delle wynx ed io continuo a non rispondere......meno male che il nostro lettore non riesce a "vedere" le versioni pirata, così avrò più tempo per farmene una ragione.

    RispondiElimina
  11. ciao Daniele, oggi ho sturato la botte e mi son fatto un "goccio" anche alla tua salute.

    RispondiElimina
  12. no, il film delle uincs no. dopo la parure di lenzuola, il pigiama, le mutandine, le calze, il vestito di carnevale, i pennarelli, i quaderni, gli elastici e i fermini per i capelli, il materassino quest'estate, le ciabatte di gomma e non mi ricordo più quale altro inutile gadget color porporina di mandarla a vedere il film non se ne parla... nemmeno con la nonna, che è tanto "intrepida"!

    RispondiElimina
  13. I figli sò piezze 'e core, Daniele!

    Ronf ronf.

    danis

    RispondiElimina
  14. Ecco, uno degli aspetti positivi del vedere crescerei i figli, è che finalmente ti liberi da una serie di cose, tipo questa...e riconquisti il cinema, quello vero!

    ;-)

    che prima, fra il poco tempo e la poca voglia etc.con tutta la buona volontà, ma ho passato anni a vedere al cinema SOLO film d'animazione e, anche a furia di solo Pixar e Disney di qualità, però arrivi al punto che se uno accanto a te nomina i cartoons, lo morderesti!

    ciao

    f.

    RispondiElimina
  15. bisognerebbe sentire - anche - il loro punto di vista...


    intrepida la frase!;-)


    Buon lunedì

    Capuche

    RispondiElimina
  16. a volte gli atti di eroismo di pagano!!!:))))

    chicca

    RispondiElimina
  17. Per fortuna ho smesso di fare la baby sitter!!!

    s.

    RispondiElimina
  18. Oh, Daniè!

    Bentornato e complimenti per il coraggio!

    RispondiElimina
  19. il fenomeno winx in quanto a stupidità e bruttezza è da paragonarsi solo con quello azouz..buona settimana.

    RispondiElimina
  20. parliamo di cose serie, va... ci facciamo sto caffè?:-)

    RispondiElimina
  21. non ho figli e mia nipote è troppo piccola anche per le winx.meno male.

    il week end è stato piu' che divertente...grazie.

    è il lunedì che mi distrugge.

    RispondiElimina
  22. Non ho visto il film nè il cartoon. Mai. Ma vedendo mia nipote di 3 anni trasformarsi in una winx mobile no fa altro che trovarmi d'accordo con te quando citi :"pensato per una platea di bambini e/o ragazzini casinisti (accompagnati dalle mamme, peggio di loro)". Sopratutto per la seconda parte.

    RispondiElimina
  23. Quando leggo i commenti, delle volte mi spavento e mi rendo conto, che io vivo in un'altro pianeta.Il genitore che pensa che quando il figlio cresce si è liberi, si sbaglia di grosso, non si finisce mai, anzi si inizia da capo. Grazie Daniele



    PS

    Parlo per una verità, ho cresciuto 4 figli, facendo da padre e da madre e ora anche da nonna, ogni volta che dico basta succede qualcosa.

    RispondiElimina
  24. fortuna che mi toccano cose più cruente con i miei due rampolli, almeno non mi abbiocco al cinema :)

    bentornato

    RispondiElimina
  25. Rifatti con "Lezioni di cioccolato": mi sono divertito.

    Io sono ancora in giro: domani Genova e mercoledì Sicilia...Un abbraccio

    RispondiElimina
  26. Non può essere peggio delle 'risate' all'italiana che escono per natale, suvvia!

    un abbraccio

    (come si dorme bene al cinema... meglio del divano!)

    RispondiElimina
  27. Sono un po' stanca, un saluto ancora posso lasciarlo.;)

    RispondiElimina
  28. mi toccherà....

    comunque grazie...almeno ci andrò preparato....

    : ) ciao ..

    RispondiElimina
  29. Sono sacrifici di cui veniamo ampiamente ripagati, dai, mettiamola così..

    ;-)

    Un saluto grande.


    Cri

    RispondiElimina
  30. Mi pare di capire che non mi perderò niente non andandolo a vedere....


    Un sorriso cinematografico

    Mister X di Comicomix

    RispondiElimina
  31. Di Fate me ne intendo. Ne ho una a bordo. Vera. Qui spira un delizioso NE. Fai il bravo.

    Il Bretone

    RispondiElimina
  32. Eh sno proprio altri tempi da quando mio nonno mi portava al cinemello del paese a vedere l'ultimo film di Bud Spencer e Terence Hill! Quelle si che erano pellicole serie! Di qualità!


    Sei veramente un coraggioso ... ma questo dice anche che sicuramente sei un bravo papà!


    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  33. Anch'io, a dire la verità, quando leggo certi commenti un po’ mi spavento, e penso che c'è gente che vive in un altro pianeta, dove si parla una lingua che assomiglia alla mia, ma non è la mia, vista la facilità con la quale viene fraintesa!

    Dato che ho parlato del "liberarsi", con la crescita dei figli, dal dovere di assistere alla proiezione di certi ignobili cartoni animati (visto che è questo ciò che ho scritto, e nulla più) immagino che il commento n.24 fosse stimolato da quella mia battuta.

    Che posso dire?

    Evidentemente, che per la fretta si leggono le cose male e non le si capiscano, dato che se la signora ha la cortesia di rileggere con calma ciò che ho *effettivamente scritto*, potrà facilmente notare che io ho solo *scherzosamente* incoraggiato Daniele nel suo ruolo paterno, dicendo che con la crescita dei figli ci si "libera", non certo dai figli e dai doveri genitoriali ma - visto l’affinamento delle esigenze e dei gusti dei figli stessi - dalla, chiamiamola così, “stagione delle Winx”, o quel che passa in quel momento il convento.

    Stagione che come qualsiasi altro normale - non eroico - normale genitore, ho anch’io vissuto pazientemente per anni (e senza neppure il sollievo di abbioccarmi come leggo accade ad altri), dato che sapevo che per mia figlia (e anche per me) quelli erano, nonostante la talvolta discutibile qualità estetica delle pellicole che realmente può mettere a dura prova la capacità di sopportazione di un adulto, momenti importanti.

    E con questo non mi pare di aver assolutamente detto che ci si libera dai doveri di genitore, che anzi con il crescere dei figli crescono, ma anche cambiano, persino nel senso di imparare a condurre i propri "bambini" ad una loro progressiva e graduale indipendenza e autonomia da noi, come cominciare, con i dovuti tempi e cautele, anche ad andare al cinema con un’amica anziché con la mamma, e questa mi sembra una cosa talmente evidente e scontata, da stupirmi sinceramente che qualcuno abbia potuto fraintenderla, così da dovermi dilungare noiosamente per chiarirla.

    ;-)

    Ciao

    f.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

O bello. Ciao.

Il gioco era di quelli possibili per tutti. Quando sono entrato in Facebook, dieci anni fa, ci si baloccava alla grande: come sempre era tutto da fare. Conoscevi un sacco di gente e pure bella, interessante, piacevole. Cazzeggio. Poi si va sul serio: ogni tipo di serietà, dalla politica al calcio (che serio non può mai essere), la musica, arte, quello che ti pare. E la cosa cresce, in termini di tempo. E poi di ansia. Chi dice che i "social network" creano angoscia e isolano non sbaglia. Non ha nemmeno ragione, comunque.

E iniziano i discorsi sull'uso del mezzo e non della sua inutilità: ma, infatti, Facebook non è mai stato inutile. E' cambiato, perchè è mutata la gente, il suo modo di approcciarsi al coso blu. Poi la spirale, per me da sempre debole da questo punto di vista, dell'affermazione: quanti hanno letto? E' piaciuto? Perchè quell'altro mi dice di lasciar perdere, che so?, la politica? La mia amica legge lui e non me. Che cazzo. No.

No, perchè …

L' effetto che fa.

A volte sembra quasi un incubo. Lucido e reale. Di quelli da cui ti svegli nei rari momenti di serenità che riesci a strappare qui e là. No, non parlo di psicofarmaci, sennò la goduria sarebbe più lunga. Lavoro, quello è un incubo. Chiarisco, non per tutti. Per quelli che come me, non avendo mai leccato il culo a nessuno, pagano le proprie colpe. Giustamente. Interamente, senza sconti, senza pietà. Ed è tutto corretto: non puoi appellarti.

Qualche mese fa, in un tribunale (e lì che si parla spesso del lavoro, qualcuno mi ha detto che per i mestieri "non qualificati" non c'è futuro. Ah, bene. Certamente il mondo si sta spostando verso le specializzazioni alte. Internet ha cambiato ogni cosa ed è solo l'inizio. Tutto va così veloce che nemmeno chi ci sta dentro riesce a tenere il passo. Dietro la scrivania c'è già qualcuno che ne sa più di te, o ha un'idea geniale, un'applicazione fottutamente innovativa o ha fatto tre master al "MIT".

Di questo …

Talula, eh?

"Talula, eh?'", dice la figlia di un'amica che ancora non si esprime in maniera fluente: "Paura, eh?" sta a significare. Ci si arriva da soli. E' la maniera così spontanea e pulita di chi ancora non sa "dire" ciò che prova, ma che sente perfettamente cosa significhi quel momento, quell'attimo: magari scendendo da uno scivolo, sbucciandosi le ginocchia, come spero sempre facciano più bambini possibile.
Che è meglio che imparare da un videogioco o dalle noiose parole degli adulti.

Eppure mi ha fatto pensare alle mie, di paure. Ormai, vista la vetusta età, acclarate e persino persistenti. E immagino pensiate soprattutto a quella della morte, della fine della corsa, dell'arriverderci e grazie, è stato bello ma breve. In effetti ci penso spesso, ma debbo ammettere, con un filo di sovraeccitazione, che non è la peggiore.
A volte vira verso l'indifferenza o, non me ne vogliate, la liberazione.

Ne ho mille altre: politiche (be', questa è …