Passa ai contenuti principali
 Carità di Patria




Moderatamente ottimista, lo sono sempre: Patriottico fino al limite consentito, che non è molto alto, in effetti.
Apparso oggi sui giornali (e ve lo lascio integrale
qui, tradotto, tranquilli), l'articolo del “New York Times” del 13 Dicembre non mi sembra meriti troppe svenevoli e tutto sommato inutili prese di posizione (vedi “La Repubblica” odierna).
Perchè non va oltre a cose che leggete ogni giorno su molti Blog, o che vengono dette da persone di vostra conoscenza.
E' il solito, immancabile, punto della nostrana situazione vista con gli occhiali degli Americani: già sentito, dài.
Predicare e razzolare son due cose distinte. E badate che non mi sono sentito offeso nel mio amor Patrio, proprio no: riconosciamolo, che un po' senso lo facciamo.
Manca solo una cosa, a mio modestissimo parere: che almeno Noi, Italians, le Guerre basate sulle chiacchiere non le facciamo.
Per fortuna.

(Chiosa: Adinolfi, sai che ti voglio bene, ma qui il problema non è aprire un'attività in un garage. E' avercelo, il garage).

(Chiosa due: un'intera trasmissione ,o quasi, "Zapping", di "Radio Uno" per sentire una sfilza di ascoltatori e personaggi dell'informazione più o meno incavolati per l'articolo in questione. Possibile che siamo Italiani solo quando qualcuno ci fa vedere i nostri difetti?
"Nil est dictu facilius"...).

L'articolo è stato tradotto dall'Amica Manuela Vittorelli (
http://mirumir.blogspot.com/) che ringrazio di cuore, sopratutto per la pazienza.
La segnalazione dello stesso la debbo a “Piccolo Kin” (
http://picolokin.splinder.com/). Grazie anche a te.

Giorgio Morandi, "Paese", 1935, Galleria d'Arte Moderna (GAM), Torino.

Commenti

  1. Ottima la scelta del "polveroso" Morandi :)))

    mandi

    RispondiElimina
  2. piuttosto che parlare di noi e del nostro paese delle meraviglie, magari i carici "amici" Americani, farebbero meglio a pensare ad altro e non solo ai propri morti nella war economy Iraquena.


    Forse tu non lo sai, ma per la seconda volta il texano terrorista democratico ha posto per la seconda volta il veto alla legge che permetteva di espandere la copertura sanitaria pubblica a 10 milioni di famiglie con bambini con reddito medio basso.


    Oramai non riesco più a tenere Bush, sta diventando troppo per me!

    RispondiElimina
  3. conoscevo quel pezzo, e non mi meraviglia , è un modo coem un altro per dire insomma non solo noi siamo alal frutta

    forse il nostro giornalista ha dimenticato di dire che proprio questo periodo è per gli usa ben peggio del nostro, e che alcune fasce di lavoratori sono ad una soglia di povertà mai rasentata...ma come sempre è sempre meglio guardare nel prato del vicino...

    chicca

    RispondiElimina
  4. Però, a pensarci, bene alle guerre basate sulle chiacchiere partecipiamo...

    Daniele

    RispondiElimina
  5. Non riescono mai a farsi gli affaracci loro!!


    Eppure qualche problemino mi sembra non gli manchi...

    RispondiElimina
  6. Hanno parecchi schelestri nei loro armadi, e continuano ancora a fare scheletri.

    RispondiElimina
  7. Mah, ho letto l'articolo e mi ha stupito più che altro la scelta di piazzarlo in prima pagina, quasi contenesse chissà quale rivelazione.

    Avrei apprezzato di più se, in luogo di un mix di fumisterie, mezze verità risapute e pseudo ricerche, l'autorevole giornale americano avesse riportato la situazione paradossale di una nazione che non ha la minima idea di cosa sia la pianificazione di lungo periodo, che affida oltre l'80% della movimentazione merci al trasporto su gomma e che, perciò, può essere tranquillamente messo in ginocchio da TIR selvaggio e dagli sciacalli che poi banchettano su questa situazione.

    Come diceva qualcuno, si guarda ai guai nel giardino del vicino per consolarsi delle erbacce che crescono sul proprio.

    RispondiElimina
  8. La storie penze e je che no rivarin a dâ ai nestris fîs une vite, un mont miôr di ce che o vin vût nô. E nô o vevin vude la gole di gambiâlu, a lôr chê gole i mancje. Varan bisugne vincj agns a mancul par podê vê une Italie che torni a cori, cun chest svilup o cuntun altri.

    RispondiElimina
  9. Daniele. La grande democrazia ha tanta voglia di essere forte.

    Da sempre siamo vittime di tristi considerazioni, stavolta a ragione...almeno un pò.

    Un abbraccio.

    danis

    RispondiElimina
  10. Ma andassero a quel paese ... il loro!


    Un abbraccio caro!

    RispondiElimina
  11. Non capisco questa generalizzazione sugli americani.


    E' come se italiani volessere dire = Prodi, =Berlusconi.


    UN giornalista, americano per caso perché l'articolo l'avrebbe potuto scrivere un qualsiasi giornalista straniero, ci descrive per quello che siamo: un popolo con le braghe calate.


    Cosa solo queste invettive contro GLI AMERICANI?


    E' la pura e semplice verità. E i compromessi a cui allude lui citando Severgnini li abbiamo fatti tutti, compresi quelli che scrivono commenti indignati.


    Tutti abbiamo cercato l'amico, tutti abbiamo raccomandato qualcuno, tutti - se ne abbiamo avuto l'occasione - abbiamo cercato di eludere, evadere, evitare il rispetto di leggi che erano lì apposta per tutelare IL PAESE e non l'interesse del singolo.


    Siamo un popolo di pecore (e mi ci metto mestamente in mezzo) quandi piantiamola con 'ste lacrime di coccodrillo, grazie...



    Alessandro

    RispondiElimina
  12. volevo dire esattamente ciò che ha detto blualessandro, forse sarei stata meno diretta, ma i concetti sono quelli. "L'amicizia" con gli americani tra l'altro ha ragioni storiche, non dimentichiamoci i balletti italiani della seconda guerra mondiale e le conseguenze. Con questo vorrei precisare che non nutro alcuna simpatia per Bush, ma ciò che dice l'articolo non sono invenzioni, ma triste realtà ed è questo che deve farci riflettere.

    RispondiElimina
  13. Mmm....sto molto attendo a non confondere il patriottismo con quello che viene comunemente detto "farselo mettere nel culo".

    Spesso coincidono.

    saluti..

    RispondiElimina
  14. Ci lamentiamo che il vicino guarda l'erbaccia del nostro giardino solo perchè intravediamo quella che cresce nel suo? Questo è ancora più triste dell'articolo postato da Daniele.


    Che poi, confondere Bush, Spogli e Luttwak con "gli Americani" è un po' come confondere Riina, Provenzano e Andreotti con "gli Italiani".


    Quello che mi sembra davvero dirompente nell'articolo è:

    1) Dà voce agli Italiani più di qualunque giornale italiano.


    2) (che segue immediatamente da 1)

    La critica silenziosa al sitema italiano dell'informazione. Non dice una parola sull'informazione italiana... fondamentalmente perchè, come il suo articolo dimostra, l'informazione italiana non esiste.


    3) La critica pungente alla nostra democrazia da terzo mondo. Il corrispondente americano deve spiegare con una nota al margine che in Italia i cittadini non eleggono direttamente i propri rappresentanti. Non può dire nemmeno "modello alla tedesca/spagnola/turca". Perchè siamo un caso unico al mondo.


    Non so davvero perchè ci consola pensare che Bush è un criminale. Che poi, a dirla tutta, come dice anche Daniele, il suo braccio armato siamo noi.


    RispondiElimina
  15. Io non so l'inglese e mi dispiace, tu mi hai fatto tradurre l'articolo l'ho trovato molto bello, perchè ormai si dà per scontato che tutti lo sappiano... Quindi l'ho trovato un gesto carno. Hai ragione tu, è assurdo che noi parliamo dei nostri problemi solo quando ce lo dicono gli altri... E quante chiacchiere si disperdono nel nulla. Giula

    RispondiElimina
  16. tutto vero...

    anche se mi viene da dire ...senti da che pulpito vien la predica....

    abbiamo molti difetti..noi italiani..ma storicamente siamo leggermente più scafati degli americani...

    loro hanno avuto i bush e i clinton(?)..

    noi i prodi e i berlusconi...

    e siamo certi che in america si stia meglio che in italia?

    ma in quanto a guerre(e relativo uso d'armi)...nessuno li batte(tranne che sul campo)....


    ciao e buon fine settimana..

    RispondiElimina
  17. Concordo con molti commenti. Sinceramente un plauso a Fisher per aver Parlato dell'Italia vera e non quella dei Delitti della Città X di provincia tranquilla! Bambini Del Fantapaese di liggiù

    RispondiElimina
  18. siamo prorpio italioti, se c'incazziamo per le (evidenti) verità che ci illustrano. generalizzazioni, si, ma nessuna cazzata.

    RispondiElimina
  19. eh già, un pò di senso lo facciamo ma c'è chi ci supera.


    Buon fine settimana.


    Cris

    RispondiElimina
  20. Ben venga se serve per svegliarci e soprattutto svegliare questa classe politica che pensa solo ad arraffare. Ogni giorno abbiamo morti sul lavoro, morti per la malasanità, emergenze rifiuti, collusioni tra mafia e politica, scandali di tutti i generi... A noi forse tutto questo comincia a sembrare normale, perchè ci stiamo abituando, ma tutto ciò in un paese civile e democratico non sarebbe per nulla normale, quindi, anche se a malincuore, penso che siamo indifendibili. Approfittiamo delle critiche per migliorarci. In fondo, poi, pure il censis non ci ha trattato meglio, forse ci tocca aprire gli occhi e unirci per cambiare le cose!

    RispondiElimina
  21. "che almeno Noi, Italians, le Guerre basate sulle chiacchiere non le facciamo"...

    no, no, anche noi le Guerre le facciamo appoggiando chi le fa basate sui morti...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

O bello. Ciao.

Il gioco era di quelli possibili per tutti. Quando sono entrato in Facebook, dieci anni fa, ci si baloccava alla grande: come sempre era tutto da fare. Conoscevi un sacco di gente e pure bella, interessante, piacevole. Cazzeggio. Poi si va sul serio: ogni tipo di serietà, dalla politica al calcio (che serio non può mai essere), la musica, arte, quello che ti pare. E la cosa cresce, in termini di tempo. E poi di ansia. Chi dice che i "social network" creano angoscia e isolano non sbaglia. Non ha nemmeno ragione, comunque.

E iniziano i discorsi sull'uso del mezzo e non della sua inutilità: ma, infatti, Facebook non è mai stato inutile. E' cambiato, perchè è mutata la gente, il suo modo di approcciarsi al coso blu. Poi la spirale, per me da sempre debole da questo punto di vista, dell'affermazione: quanti hanno letto? E' piaciuto? Perchè quell'altro mi dice di lasciar perdere, che so?, la politica? La mia amica legge lui e non me. Che cazzo. No.

No, perchè …

L' effetto che fa.

A volte sembra quasi un incubo. Lucido e reale. Di quelli da cui ti svegli nei rari momenti di serenità che riesci a strappare qui e là. No, non parlo di psicofarmaci, sennò la goduria sarebbe più lunga. Lavoro, quello è un incubo. Chiarisco, non per tutti. Per quelli che come me, non avendo mai leccato il culo a nessuno, pagano le proprie colpe. Giustamente. Interamente, senza sconti, senza pietà. Ed è tutto corretto: non puoi appellarti.

Qualche mese fa, in un tribunale (e lì che si parla spesso del lavoro, qualcuno mi ha detto che per i mestieri "non qualificati" non c'è futuro. Ah, bene. Certamente il mondo si sta spostando verso le specializzazioni alte. Internet ha cambiato ogni cosa ed è solo l'inizio. Tutto va così veloce che nemmeno chi ci sta dentro riesce a tenere il passo. Dietro la scrivania c'è già qualcuno che ne sa più di te, o ha un'idea geniale, un'applicazione fottutamente innovativa o ha fatto tre master al "MIT".

Di questo …

Talula, eh?

"Talula, eh?'", dice la figlia di un'amica che ancora non si esprime in maniera fluente: "Paura, eh?" sta a significare. Ci si arriva da soli. E' la maniera così spontanea e pulita di chi ancora non sa "dire" ciò che prova, ma che sente perfettamente cosa significhi quel momento, quell'attimo: magari scendendo da uno scivolo, sbucciandosi le ginocchia, come spero sempre facciano più bambini possibile.
Che è meglio che imparare da un videogioco o dalle noiose parole degli adulti.

Eppure mi ha fatto pensare alle mie, di paure. Ormai, vista la vetusta età, acclarate e persino persistenti. E immagino pensiate soprattutto a quella della morte, della fine della corsa, dell'arriverderci e grazie, è stato bello ma breve. In effetti ci penso spesso, ma debbo ammettere, con un filo di sovraeccitazione, che non è la peggiore.
A volte vira verso l'indifferenza o, non me ne vogliate, la liberazione.

Ne ho mille altre: politiche (be', questa è …