Passa ai contenuti principali
 Roman Notes




√ L'immondizia non offende più nessuno: fa parte del paesaggio.

√ Le auto Blu non sono più Blu, ma tutte grigie e straniere. Decine di poliziotti, che avrebbero altro da fare, gli corrono davanti. Qualche volta dietro.

√ Un tramonto dal “Vittoriale” ti fa credere che Dio potrebbe esistere.

√ I Romani parlano in Romanesco, grazie al cielo.

√ I Romani mangiano tanto. A me va benissimo.

√ Mia sorella è come me l'aspettavo, e anche di più. Belle persone fanno bello anche quello che sta intorno.

√ Le precedenze, in auto, sono personalizzabili.

√ I turisti fanno i turisti, purtroppo.

√ La “Garbatella”, costruita da Benito, è adesso piena di “Comunisti”. Tiè.

√ Confessioni:
- mi sono commosso davanti al casco di David Bowman;
- la macchina da scrivere di “The Shining” fa paura, anche dal vero;
- Kubrick era un genio;
- Rothko anche;
- la "Pop Art" ha ancora molto da dire;
- non mi sono confessato in nessuna delle quattro Basiliche.

√ A Roma non c'è traccia dei Laziali (sono tutti Romanisti?).

√ Non ho visto Ualtèr: avesse avuto degli impegni?

√ Ci sono 312 scalini per arrivare in cima al “Cupolone”, ma il cielo resta lontano.

Foto: fatta io.



Commenti

  1. questo è l'unico impegno che hai con me, Prof...

    il resto se va e si può...

    buon, buonissimo we!

    RispondiElimina
  2. ma ciaoooooooooooooooooooo

    smack smack smack smack


    spè che mi ricompongo


    compagno macca bentornato a casa

    RispondiElimina
  3. Se magna bene a Roma eh?

    ... è 'n pezzo de core!!!

    I Laziali a Roma n ce so no! So tutti in provincia ... so i burini tipo de Latina, de Rieti, de Frosinone, de Viterbo come me ... e 'nfatti so pure de la Lazio!


    Statti bene amico mio!

    RispondiElimina
  4. confessati fratello, ti assolvoda tutti i tuoi peccati, ma sappi che se hai mangiato troppi bagigi la punizione divina arriva da sola. 312 scalini? Redipuglia non ne ha di più?

    :)

    RispondiElimina
  5. 312 da fare a piedi?!!.... mi ...accontento a guardarla da sotto...

    RispondiElimina
  6. sai daniele, con questo post hai reso ancora più affascinante roma, ma d'altra parte non mi sorprendo.


    eh, beato te!


    non vedo l'ora di andare a Roma appena potrò, così magari faccio un salto dal mio nipotino.


    Un saluto, e ben tornato!


    RispondiElimina
  7. Ah, mangiare a Roma.... Mi hai fatto venire voglia!

    RispondiElimina
  8. Grazie al cielo

    una notte di luna è ancora

    di uno splendore che incanta...

    RispondiElimina
  9. Biele la foto, Rome e à simpri al ce dì, par ogni un e ancje se tu sês stât tantis voltis alc di gnûf tu lu cjatis simpri.

    Sêstu content di jessi a cjase cul computerut metît di fieste cu la gale ator?

    RispondiElimina
  10. ..l'immondizia..sempre più difficile distinguerla dalle auto blu...forse lei puzza meno....

    e le bellissime stelle brillano...di luce non loro...e ne fanno un buon uso...

    complimenti per la foto e bentornato...

    : ) ciao e buona domenica...

    RispondiElimina

  11. Domenica matina


    'Na vorta, mi fratello Bruno,

    la fece grossa.

    Portava, li pantaloni novi,

    alla zuava.

    De Domenica matina, alla

    Mole Adriana

    no' so che je disse er cervello,

    ma, a forza de fà, su e giù, sur muretto,

    tornò a casa, co' er culetto

    de fora.

    Mi madre je disse:

    "A Brù, ch'hai fatto?"

    Lui, co' lo sguardo mesto,

    l'occhio da pesce fracico,

    se girò, mostrannoje er culetto.

    je rispose:

    "A ma! so stati i tarli".


    Franca Bassi


    Non mi ricordo Daniele se la conosci

    devo segnarmi quello che faccio. Un caro saluto

    RispondiElimina
  12. Di ritorno dalla capitale, un saluto dalla capitale.

    I laziali ce stanno, se lo voi sapè...

    Ma il calcio è forse la cosa più deprimente.

    Roma regala arte a te che l'apprezzi così tanto.

    Bentornato.

    danis

    RispondiElimina
  13. Un bentornato anche da parte mia.

    Grazie per questa splendida pagina romana.


    Un romano

    Salvatore

    RispondiElimina
  14. senti ma è magnifico questo elenco racconto!!!

    ma davvero!!!!

    chicca

    RispondiElimina
  15. ma quello è il vittoriano! puoi chiamarlo anche torta di panna montata o macchina da scrivere o vera schifezza ma non vittoriale.

    RispondiElimina
  16. Concordo con sempreinviaggio...

    Eccheccavolo, daniè, pe' 'sta storia del monumento te ce potevi da' 'no sguardo a vichipidia, almeno, no???


    Hai dimenticato una v: a Roma, in certi punti, si ha la prova della grandezza del genere umano e per un momento tutte le sozzure scompaiono e Roma diventa il posto migliore dove vorremmo essere.

    Ma insomma, mi rendo conto di pretendere troppo da un friulano ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

O bello. Ciao.

Il gioco era di quelli possibili per tutti. Quando sono entrato in Facebook, dieci anni fa, ci si baloccava alla grande: come sempre era tutto da fare. Conoscevi un sacco di gente e pure bella, interessante, piacevole. Cazzeggio. Poi si va sul serio: ogni tipo di serietà, dalla politica al calcio (che serio non può mai essere), la musica, arte, quello che ti pare. E la cosa cresce, in termini di tempo. E poi di ansia. Chi dice che i "social network" creano angoscia e isolano non sbaglia. Non ha nemmeno ragione, comunque.

E iniziano i discorsi sull'uso del mezzo e non della sua inutilità: ma, infatti, Facebook non è mai stato inutile. E' cambiato, perchè è mutata la gente, il suo modo di approcciarsi al coso blu. Poi la spirale, per me da sempre debole da questo punto di vista, dell'affermazione: quanti hanno letto? E' piaciuto? Perchè quell'altro mi dice di lasciar perdere, che so?, la politica? La mia amica legge lui e non me. Che cazzo. No.

No, perchè …

L' effetto che fa.

A volte sembra quasi un incubo. Lucido e reale. Di quelli da cui ti svegli nei rari momenti di serenità che riesci a strappare qui e là. No, non parlo di psicofarmaci, sennò la goduria sarebbe più lunga. Lavoro, quello è un incubo. Chiarisco, non per tutti. Per quelli che come me, non avendo mai leccato il culo a nessuno, pagano le proprie colpe. Giustamente. Interamente, senza sconti, senza pietà. Ed è tutto corretto: non puoi appellarti.

Qualche mese fa, in un tribunale (e lì che si parla spesso del lavoro, qualcuno mi ha detto che per i mestieri "non qualificati" non c'è futuro. Ah, bene. Certamente il mondo si sta spostando verso le specializzazioni alte. Internet ha cambiato ogni cosa ed è solo l'inizio. Tutto va così veloce che nemmeno chi ci sta dentro riesce a tenere il passo. Dietro la scrivania c'è già qualcuno che ne sa più di te, o ha un'idea geniale, un'applicazione fottutamente innovativa o ha fatto tre master al "MIT".

Di questo …

Talula, eh?

"Talula, eh?'", dice la figlia di un'amica che ancora non si esprime in maniera fluente: "Paura, eh?" sta a significare. Ci si arriva da soli. E' la maniera così spontanea e pulita di chi ancora non sa "dire" ciò che prova, ma che sente perfettamente cosa significhi quel momento, quell'attimo: magari scendendo da uno scivolo, sbucciandosi le ginocchia, come spero sempre facciano più bambini possibile.
Che è meglio che imparare da un videogioco o dalle noiose parole degli adulti.

Eppure mi ha fatto pensare alle mie, di paure. Ormai, vista la vetusta età, acclarate e persino persistenti. E immagino pensiate soprattutto a quella della morte, della fine della corsa, dell'arriverderci e grazie, è stato bello ma breve. In effetti ci penso spesso, ma debbo ammettere, con un filo di sovraeccitazione, che non è la peggiore.
A volte vira verso l'indifferenza o, non me ne vogliate, la liberazione.

Ne ho mille altre: politiche (be', questa è …