Passa ai contenuti principali
 Terreno minato



Dell' Europa tutti si potrebbe dire, meno che abbia una visibilità Politica coesa e forte. Più delle imminenti Elezioni¹ Italiane, più della "Rosa Bianca" e dei rotolamenti di Ferrara, la nostra attenzione dovrebbe volgere verso il Kosovo, dove, domani, potrebbe essere proclamata un'indipendenza che si può definire, in maniera eufemistica, difficile. Gli starscichi di una guerra sanguinosa e feroce sono tutt'altro che scomparsi, innestandosi su una situazione economica gravissima (la disoccupazione è al 49,7%), terreno fertile per le mafie dell'Est, per il commercio di armi e droga. Il tutto in una posizione geografica delicatissima, incuneata com'è tra l'Oriente prossimo e gli stati dell'ex-Jugoslavia che premono per entrare nella UE.

In un contesto in cui è evidente che la questione etnica è basilare, si può trarre la semplice conclusione che, ancora una volta, l'incapacità sostanziale della Diplomazia Mondiale si accompagna al disinteresse della ragione umanitaria. Inviare duemila uomini per tenere a bada le probabili tensioni tra Albanesi e Serbi, su un territorio spezzettato e complesso, nelle sue divisioni anche geografiche, sa tanto di già visto: un qualcosa messo lì per una parvenza d'intervento, ma che, in realtà, produrrà un ancor più marcato isolamento del Kosovo, che di tutto ha bisogno, ma non di un'altra immaginaria linea difensiva bardata di pacifismo.

Se la Russia, in appoggio ai "fratelli Serbi", taglierà (ed appare ipotesi concreta) le forniture di elettricità, riducendo anche gli aiuti umanitari, quella terra martoriata si ritroverà in balia di forze interne che già sull'orlo di una tensione fortissima, potrebbero fare un passo di troppo. Appare lontana l'ipotesi, non di certo favorevole allo stato Serbo, dell'invio di truppe dalla capitale Belgrado a tenere sotto scacco la maggioranza Albanese e la forza di Pace Europea. Anche uno sprovveduto intuisce la pericolosità di tutto questo, tra gli USA e la Russia², di nuovo divisi dalla Jugoslavia, crocevia immancabile della Storia.

Rende attoniti e disorientati l'asservimento della maggior parte degli organi di informazione, ligi nel trasmettere una minima parte delle notizie che potrebbero delineare il quadro per quello che è, disastroso. L'apocalittica visione di una nuova esplosione dei Balcani potrà essere evitata con uno sforzo enorme da parte di questa Europa, così fragile, così divisa al suo interno da temere secessioni in massa tra gli Stati membri. Specchio rotto (quest'immagine continua ad intrigarmi) di una sudditanza evidente, ciò che la UE non ha ancora imparato è il valore dell'indipendenza mentale e politica, del non essere asserviti ad alcuno se non all'idea della costruzione di un Continente coeso, solidale e libero. Libero veramente.

¹: su questo Blog non si parlerà, fino al 14 Aprile, di nessuno dei due schieramenti in Campagna Elettorale. Magari su altri siti amici, ma "Transit" si fa da parte. Tanto si sa come butta da queste parti. O no?
²: i Panda sono in pericolo d'estinzione. I Panda Rossi diventano l'ultimo baluardo contro molte fesserie in giro (questa la capisce solo una persona).

Post popolari in questo blog

Perchè mi frega

Francamente non mi interessa. Non mi interessa quale potrebbe essere il vostro schieramento politico, la vostra idea della politica o se sapete cosa può (o potrebbe) essere la politica. Io non sono uno di quelli che si definiscono "osservatori privilegiati": fossimo ai tempi bui, potrei al massimo aspirare alla parte di servo della gleba con propensione a mettersi nei casini, dato che il culo non lo lecco a nessuno.

Non mi interessa neppure se non andate a votare, se ci andate, se vi fotografate mentre fate il dito medio tenendo in mano la scheda elettorale o se la vostra scrutatrice è una bella figliola e voi vorreste invitarla a pranzo, prima sapendo da che parte sta. E mi frega anche di meno se, il cinque marzo, farete ascese ardite e risalite per dire "Io lo sapevo" (tutti lo sanno, dopo).
Non mi frega proprio: vi prego, credetemi.

Arrivo a dire che non mi alza nulla neppure sapervi, che so?, fascisti. E sì che io, i fascisti, li aborro un attimo. Detto da uno…

Ping Pong

Nel 1971, la diplomazia del ping-pong avvicinò la Cina agli USA. Il ping pong è un gioco veloce e di riflessi, ma, fondamentalmente, si tratta di tirarsi una palla. Allora fu veicolo di aperture ed oggi ce lo ritroviamo in Italia come metafora di un empasse politico così sfiancante che è senz’altro possibile definire storico. Sembra che una congiunzione astrale particolarmente sfortunata abbia cercato di imporre un cambiamento profondo che, però, non si è palesato in maniera definitiva, riducendosi ad occupazioni, pranzetti al borgo e reiterati equivoci oratori. Mentre coloro che avevano la vittoria in tasca, stanno cercando un nuovo metodo per sminuzzare in parti infinitesimali la ormai pallida parvenza di un’idea politica, spacciata anch’essa per nuova (per quanto, alla luce del sole, sembra più che altro ridipinta in velocità). E intanto l’arbitro, ex giocatore, che già pensava ad una pensione dorata e ludica, si trova di nuovo al centro dell’attenzione, tronfio ed impomatato come …

Fatevi l'inchino

Povero "PdL": da un nano ad un Alfano. Come ondate cicliche di populismo pesante, le bordate politiche Italiane si infrangono con inusitata potenza verbale, infarcita di luoghi comuni, bassezze, banalità. La campagna elettorale perenne cui siamo sottoposti, volenti o nolenti, riporta a galla tutte le nefandezze lessicali che possiamo tollerare, ed anche di più. Mentre nel Mondo si consumano tragedie epocali (vedi la Siria, per dirne una) e la crisi del lavoro disintegra intere Nazioni, questi scellerati continuano a razzolare, tutti quanti, nell'orticello della loro miserevole ed angusta visione delle cose, limitata ai fatti sporchi di un paese come il nostro, incapace di guardare oltre il proprio ombelico. In questo sono bravi tutti, a destra, a sinistra, ovunque. Sono ignoranti, perlopiù, e non tentano nemmeno di mascherarlo; aggiungono anche questo vessillo alle loro bandiere di personaggi arrancanti e pretenziosi di visibilità.
Come capitani derelitti, si fanno l…