Passa ai contenuti principali
 Accordi in disaccordo



Al momento di scrivere, non so neanche chi abbia vinto "Sanremo"; ritengo non sia notizia da annoverare tra quelle importanti. Poi, siccome m'è piaciuto essere definito "radical-chic", io che in vestiti spendo meno di chiunque e sono pronto a dimostrarlo (anche se la definizione riguarda l'atteggiamento mentale, per cui non si parla di soldi, mi sa), non ho visto che cinque minuti in tutto del baraccone. Naturalmente non per spocchia, ma perchè a "Sanremo" c'è un certo tipo di musica Italiana, non quella che ascolto io: rispettabile, per molti, ma priva di alcun interesse per il sottoscritto. Punto. Non credo sia un dramma se mi dimentico della Bertè, se non so chi sia Di Tonno, se Minghi lo vedo missionario in qualche paese del Sudamerica o se Chiambretti non mi fa proprio ridere. C'era "Elio", ma a ridosso della colazione e io vado ancora a caffè e brioches.

Come ho scritto, i miei cinque minuti si sono risolti così:
- le gambe (e il resto) di Mietta, di cui non ricordo una parola della canzone, ma che argomenti ne ha ancora, eccome;
- Ben Harper che ha ribadito che con il talento vero bastano quattro-accordi-quattro e una chitarra per fare una canzone bellissima (alla faccia dell'Orchestra e dei pinnacoli vocali).
Il resto mi sembra il paradigma di questo Paese: una gran caciara, pochi fatti (intesi come "azioni", su quel che si assume dietro il palco non giuro) e alla fine l'immobilità.
Sì, "Sanremo" è ancora roba decisamente Italiana.
Canone ben speso, tranquilli.


Milan Knìzák, "Zerstörte Musik (Broken Music)", 1983, Museum Of Modern Art (MOMA), New York.

Commenti

  1. Concordo con Harper: anche delle opere la gente si ricorda le arie, mica i recitativi.

    Semplificare, bisogna semplificare!

    RispondiElimina
  2. uh, è giàffinito? 'spiace..

    RispondiElimina
  3. Sanremo=Italia. Mi piace, è azzeccato. C'è una sola differenza: Sanremo, se vuoi, puoi evitare di sorbirtelo semplicemente cambianto canale, e poi dopo pochi giorni torna nell'oblio. L'Italia, invece, è un'immobilità perpetua, e per evitare di sorbirtela ti tocca emigrare.

    RispondiElimina
  4. Sanremo per me da tempo non esiste più... Sono out? Non importa. Giulia

    RispondiElimina
  5. Vista la mezz'ora finale,

    beh, convinta che vincesse Mietta,

    gambe belle e capelli eccezzioali, voce molto piacevole...

    E' lei, mi dico, dopo che la compagna di gigi, vince il secondo!

    Mi appaiono di fronte due strani tipi, mai visti... ma chi sono?

    Lei, bellissima gnocca televisiva, lui, che se la stringe se la mangia se la canta.

    Primo premio.

    Finito sanremo.

    Ed oggi è un altro giorno.

    ......................b.

    RispondiElimina
  6. Condivido.

    Sanremo oramai è da annoverare tra le "antichità" di rilievo del nostro Paese.

    Iniseme ad Andreotti, che non demorde.

    RispondiElimina
  7. Su chi spende meno in vestiti potremmo fare a gara ... il mio ultimo cappossto "è durato 12 anni e mi sono convinta che era ora di acquistarne uno nuovo quando in giro per le vie del centro ricevevo più elemosine che altro ;-)!!!


    Un bacio e passa a trovarmi qualche volta ...


    Lady RoseNoire

    RispondiElimina
  8. io san remo non lo guardo per principio....

    RispondiElimina
  9. Io ho sentito la canzone di Max Gazzè e mi è piaciuta un sacco: è grave? :)

    RispondiElimina
  10. e non ci siamo dovuti sorbire "Porta a Porta" per una settimana...

    ti pare poco??

    un abbraccio, emanuele.

    RispondiElimina
  11. di sto festivone , per gli stessi motivi che dici tu , non ho visto nulla...oggi ho sentito la classifica e uno spezzone della canzone vincente....

    contento di essermelo perso...

    buffo , sanremo è una roba decisamente italiana , io ascolto molta musica italiana e le due cose non si incontrano...


    ; ) ciao..

    RispondiElimina
  12. Sono sempre più convinto che essere una donna oggi non vuol dire solo una minigonna ma anche tante Gilette e un buon fondotinta coprente, per le più irte e scure di pelo.

    RispondiElimina
  13. ti leggo volentieri anche quando non so di che parli...:-)

    RispondiElimina
  14. scusa l'o.t.,ma un salutino anche se di corsa mi andava prorpio di fartelo!


    Cri:-)


    p.s.: sanremo non lo guardo, da sempre.

    RispondiElimina
  15. Scusate ma quando è finito il festival?in che anno siamo? alla mia età ogni tanto qualche vuoto.ieri mi sono trasferita nel sec.XII e nel mio blog ci sono due giovani dell'epoca.Un caro saluto Daniele, bacione al tuo bambino franca

    RispondiElimina
  16. nell'era di youtube sanremo non può durare: chi aspetta 15 minuti fra una canzone e l'altra, canzoni tra l'altro anonime?

    RispondiElimina
  17. anch'io quoto mietta e il suo resto :-)


    LdS

    RispondiElimina
  18. Non ho visto assolutamente nulla.


    Neanche Ben Harper ahimè.


    Una perla nel nulla.


    Daniele il Rockpoeta

    RispondiElimina
  19. Di Tonno te lo sei inventato, vero?

    RispondiElimina
  20. Ben Harper lu ai viodût ancje jo, soi restât a bocje vierte

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

O bello. Ciao.

Il gioco era di quelli possibili per tutti. Quando sono entrato in Facebook, dieci anni fa, ci si baloccava alla grande: come sempre era tutto da fare. Conoscevi un sacco di gente e pure bella, interessante, piacevole. Cazzeggio. Poi si va sul serio: ogni tipo di serietà, dalla politica al calcio (che serio non può mai essere), la musica, arte, quello che ti pare. E la cosa cresce, in termini di tempo. E poi di ansia. Chi dice che i "social network" creano angoscia e isolano non sbaglia. Non ha nemmeno ragione, comunque.

E iniziano i discorsi sull'uso del mezzo e non della sua inutilità: ma, infatti, Facebook non è mai stato inutile. E' cambiato, perchè è mutata la gente, il suo modo di approcciarsi al coso blu. Poi la spirale, per me da sempre debole da questo punto di vista, dell'affermazione: quanti hanno letto? E' piaciuto? Perchè quell'altro mi dice di lasciar perdere, che so?, la politica? La mia amica legge lui e non me. Che cazzo. No.

No, perchè …

L' effetto che fa.

A volte sembra quasi un incubo. Lucido e reale. Di quelli da cui ti svegli nei rari momenti di serenità che riesci a strappare qui e là. No, non parlo di psicofarmaci, sennò la goduria sarebbe più lunga. Lavoro, quello è un incubo. Chiarisco, non per tutti. Per quelli che come me, non avendo mai leccato il culo a nessuno, pagano le proprie colpe. Giustamente. Interamente, senza sconti, senza pietà. Ed è tutto corretto: non puoi appellarti.

Qualche mese fa, in un tribunale (e lì che si parla spesso del lavoro, qualcuno mi ha detto che per i mestieri "non qualificati" non c'è futuro. Ah, bene. Certamente il mondo si sta spostando verso le specializzazioni alte. Internet ha cambiato ogni cosa ed è solo l'inizio. Tutto va così veloce che nemmeno chi ci sta dentro riesce a tenere il passo. Dietro la scrivania c'è già qualcuno che ne sa più di te, o ha un'idea geniale, un'applicazione fottutamente innovativa o ha fatto tre master al "MIT".

Di questo …

Talula, eh?

"Talula, eh?'", dice la figlia di un'amica che ancora non si esprime in maniera fluente: "Paura, eh?" sta a significare. Ci si arriva da soli. E' la maniera così spontanea e pulita di chi ancora non sa "dire" ciò che prova, ma che sente perfettamente cosa significhi quel momento, quell'attimo: magari scendendo da uno scivolo, sbucciandosi le ginocchia, come spero sempre facciano più bambini possibile.
Che è meglio che imparare da un videogioco o dalle noiose parole degli adulti.

Eppure mi ha fatto pensare alle mie, di paure. Ormai, vista la vetusta età, acclarate e persino persistenti. E immagino pensiate soprattutto a quella della morte, della fine della corsa, dell'arriverderci e grazie, è stato bello ma breve. In effetti ci penso spesso, ma debbo ammettere, con un filo di sovraeccitazione, che non è la peggiore.
A volte vira verso l'indifferenza o, non me ne vogliate, la liberazione.

Ne ho mille altre: politiche (be', questa è …