Passa ai contenuti principali

 Подпиши Манифест!

Molti di Voi sanno che questo Blog è sensibile ad alcune locuzioni, tra cui "sottoscrivere" e "manifesto".
I motivi non sono affatto occulti, mi sa.
Ora, prendendo come dato "di fatto" che il "Macca" è oltremodo pigro (il che lo mette in lista per essere uno dei più pigri d'Italia), è stata proprio una bella cosa aver incontrato il Blogger "Picchu" (peraltro una graditissima scoperta), che gli ha risparmiato un lavoro.
Di seguito troverete il suo "Manifesto Antibloggher", che viene qui, oggi, sottoscritto e adottato come linea per i navigatori, consapevoli o meno, che attraccano da questi parti.
Prendetene (almeno mentalmente) nota e, se volete, mettetici anche la firma.

Io sono "antibloggher".

E questo è il "Manifesto Politico" del braccio armato del partito di "PICCHU" (a cui "Transit" aderisce).

1) Il blog "Transit" è uno spazio aperto a tutti senza distinzione di razza, sesso, religione e tendenze sessuali.

2) Nel blog "Transit" tutti possono commentare come cazzo vogliono. I gentili lettori possono disquisire sul post letto o digitare frasi senza nessun tipo di connessione con quanto scritto.

3) Nel blog "Transit" non esistono le cosiddette "Star del Blog", nel senso che qua siamo tutti uguali: tutti hanno diritto di potersi esprimere come meglio credono. Non pesano contatori, numero dei commentatori, rispettabilità nell'etere o tantomeno fighettaggine del "template". Non ce ne frega un cazzo. Tutti possono entrare, scrivere, partecipare alla vita di merda di questo blog.

4) "Macca" va a leggere il blog dei suoi commentatori. "Macca" non se la tira (tranne il pene generalmente), facendo lo sborone a scegliere quali blog commentare e quali no. Se un post gli piace "Macca" lo commenta. "Macca" cerca con forza di leggere e commentare tutti i Blog linkati e amici, ma siccome sono tanti bisogna aver pazienza.

5) "Macca" non soffre di gelosia e/o complessi d'inferiorità. "Splinder", per esempio, è ricco di persone che scrivono cose interessanti ed originali. "Macca" si complimenta con queste persone e lo fa senza retorica e con piacere.

6) Nel blog "Transit" tutti hanno la libertà di dissentire dalle porcherie scritte argomentando serenamente. Chi scriverà insulti gratuiti verrà invece cancellato e bloccato dopo che il "Macca" lo avrà unilateralmente umiliato.

7) Nel blog "Transit" l'ironia è alla base del template. Il template del blog "Transit" è fatto con i codici HTML dell'ironia. Chi si sente offeso per i riferimenti tagliati col coltello, cazzi suoi. "Macca" parla della sua vita, del suo stile e delle sue convinzioni. "Macca" se ne fotte allegramente di fare la guerra a qualcuno, "Macca" vive tranquillo.

8) "Transit" odia i "copia & incolla". "Macca" scrive pezzi originali che nascono e muoiono nel suo cervello malato. I Copioni sono il cancro dell'intelligenza.

9) "Macca" non reputa il blog l'unica ragione della sua vita. Pertanto abbiate pazienza se non mantiene un profilo alto, se non si crea una bella reputazione trasversale: se ne fotte allegramente di piacere per forza a qualcuno.

10) Nel blog "Transit" sono ammesse le tavole rotonde. E' sufficiente "Buona Domenica" per insultarsi a vicenda. Organizzatevi.

Catherine Yass, "From Invisible City", 2001, Tate Modern, London.

"Splinder", come al solito, rompe. Domani sistemo. A cazzotti.




Post popolari in questo blog

Perchè mi frega

Francamente non mi interessa. Non mi interessa quale potrebbe essere il vostro schieramento politico, la vostra idea della politica o se sapete cosa può (o potrebbe) essere la politica. Io non sono uno di quelli che si definiscono "osservatori privilegiati": fossimo ai tempi bui, potrei al massimo aspirare alla parte di servo della gleba con propensione a mettersi nei casini, dato che il culo non lo lecco a nessuno.

Non mi interessa neppure se non andate a votare, se ci andate, se vi fotografate mentre fate il dito medio tenendo in mano la scheda elettorale o se la vostra scrutatrice è una bella figliola e voi vorreste invitarla a pranzo, prima sapendo da che parte sta. E mi frega anche di meno se, il cinque marzo, farete ascese ardite e risalite per dire "Io lo sapevo" (tutti lo sanno, dopo).
Non mi frega proprio: vi prego, credetemi.

Arrivo a dire che non mi alza nulla neppure sapervi, che so?, fascisti. E sì che io, i fascisti, li aborro un attimo. Detto da uno…

Miserabili now

Qualche giorno fa, leggendo il solito bel post dell'amico Gilberto, mi sono soffermato su un termine da lui usato: miserabile. Adesso esulo dal contesto in cui lui lo inseriva e me ne servo per tutt'altro discorso. La parola la uso piuttosto poco: di solito è per definire una persona che disprezzo, per cui non ho alcuna stima, un perfetto coglione, per essere estremamente chiari.
E cercherò di essere cristallino.

Le cose, lo sapete, valgono assai di più se provate sulla propria pelle. Le esperienze più delle parole; un assioma. Se non hai mai potato un albero non sai quale sia la fatica o i problemi che comporta: è solo per dire che ci riempiamo la bocca di opinioni su mille cose, ma ciò che viviamo è quello che conosciamo davvero. Il resto sta alla nostra attenzione, preparazione, agli interessi, a dove e cosa impariamo.

Facciamo così. Io vi dico che adesso so per certo che significhi essere un miserabile, lavorativamente ed economicamente parlando. Non che io abbia mai vissuto …

Talula, eh?

"Talula, eh?'", dice la figlia di un'amica che ancora non si esprime in maniera fluente: "Paura, eh?" sta a significare. Ci si arriva da soli. E' la maniera così spontanea e pulita di chi ancora non sa "dire" ciò che prova, ma che sente perfettamente cosa significhi quel momento, quell'attimo: magari scendendo da uno scivolo, sbucciandosi le ginocchia, come spero sempre facciano più bambini possibile.
Che è meglio che imparare da un videogioco o dalle noiose parole degli adulti.

Eppure mi ha fatto pensare alle mie, di paure. Ormai, vista la vetusta età, acclarate e persino persistenti. E immagino pensiate soprattutto a quella della morte, della fine della corsa, dell'arriverderci e grazie, è stato bello ma breve. In effetti ci penso spesso, ma debbo ammettere, con un filo di sovraeccitazione, che non è la peggiore.
A volte vira verso l'indifferenza o, non me ne vogliate, la liberazione.

Ne ho mille altre: politiche (be', questa è …