Passa ai contenuti principali
 Una Domenica divento




Sul molo il vento è ancora più forte.
Non grida, porta il sale del mare, asciuga e fa rabbrividire.
Riesci a guardare solo verso l'orizzonte; la città alle tue spalle è forse scomparsa, inghiottita da altri momenti.
C'è un motivo per essere qui, lontani dalla solita prospettiva, dal medesimo andirivieni, dalle abitudini.
Come se mettere chilometri e parole servisse a rendere leggeri bagagli stipati di tempo e cose.
Solo un modo per rinviare, hai detto.
Ed io che non amo rimandare, gioco con le dita in tasca, cercando di percepire il punto esatto in cui poter posare lo sguardo.
Sì, va bene, te lo ripeto: ho paura del tuo sguardo, di quello che racconta e di quello che nasconde.
Come se non servisse più la perfetta alchimia dei sorrisi e del volto riflesso negli specchi.
Solo l'aria fredda mi riempie la testa, mi svuota la paura e scaccia altre trattative interrotte.
Mi soffermo proprio sul limite delle pietre, tu più indietro: un giunco che dondola leggero.
Ho paura che voli via, lontana, a spiare paesi e persone e che mi lasci solo qui a divenire più vecchio e più solo.
Ma è un solo secondo: si calma il tremore delle raffiche, sulle labbra l'amaro del caffè stempera.

"
L'aiar ca dongje il mâr 
al è ancjemò plui fuart 
se al è un motîf par jessi achì 
peraulis lontan dal usuâl 
al è par rindi lizêrs 
bagais di timp e cjossis 
une maniere par slontanâ 
alc che no ai chel di fâlu 
o sieri i pugns te sachete 
cence savê dulà cjalâ 
e o ai pôre de tô cjalade 
di chel che e po contâ 
e di chel che e plate 
nol covente cjatâsi tal ridi 
il cjalâsi tal stes spieli 
l'aiar frêt mi sfante chê pôre 
e al pare plui in là 
lis cuestions par aiar 
mi fermi sul tiermin des pieris 
tu pene plui indaur 
une cane niçule lizere 
mi pâr svoli vie a cucâ 
int e puescj lontans 
par lassâmi vignì ca bessôl 
plui vecjo, nome un sgrisul 
par gjoldi il savôr di chest cafè".

Questo è il regalo di un amico. Non credo servano traduzioni. Grazie, di cuore.

Post popolari in questo blog

Perchè mi frega

Francamente non mi interessa. Non mi interessa quale potrebbe essere il vostro schieramento politico, la vostra idea della politica o se sapete cosa può (o potrebbe) essere la politica. Io non sono uno di quelli che si definiscono "osservatori privilegiati": fossimo ai tempi bui, potrei al massimo aspirare alla parte di servo della gleba con propensione a mettersi nei casini, dato che il culo non lo lecco a nessuno.

Non mi interessa neppure se non andate a votare, se ci andate, se vi fotografate mentre fate il dito medio tenendo in mano la scheda elettorale o se la vostra scrutatrice è una bella figliola e voi vorreste invitarla a pranzo, prima sapendo da che parte sta. E mi frega anche di meno se, il cinque marzo, farete ascese ardite e risalite per dire "Io lo sapevo" (tutti lo sanno, dopo).
Non mi frega proprio: vi prego, credetemi.

Arrivo a dire che non mi alza nulla neppure sapervi, che so?, fascisti. E sì che io, i fascisti, li aborro un attimo. Detto da uno…

Ping Pong

Nel 1971, la diplomazia del ping-pong avvicinò la Cina agli USA. Il ping pong è un gioco veloce e di riflessi, ma, fondamentalmente, si tratta di tirarsi una palla. Allora fu veicolo di aperture ed oggi ce lo ritroviamo in Italia come metafora di un empasse politico così sfiancante che è senz’altro possibile definire storico. Sembra che una congiunzione astrale particolarmente sfortunata abbia cercato di imporre un cambiamento profondo che, però, non si è palesato in maniera definitiva, riducendosi ad occupazioni, pranzetti al borgo e reiterati equivoci oratori. Mentre coloro che avevano la vittoria in tasca, stanno cercando un nuovo metodo per sminuzzare in parti infinitesimali la ormai pallida parvenza di un’idea politica, spacciata anch’essa per nuova (per quanto, alla luce del sole, sembra più che altro ridipinta in velocità). E intanto l’arbitro, ex giocatore, che già pensava ad una pensione dorata e ludica, si trova di nuovo al centro dell’attenzione, tronfio ed impomatato come …

Fatevi l'inchino

Povero "PdL": da un nano ad un Alfano. Come ondate cicliche di populismo pesante, le bordate politiche Italiane si infrangono con inusitata potenza verbale, infarcita di luoghi comuni, bassezze, banalità. La campagna elettorale perenne cui siamo sottoposti, volenti o nolenti, riporta a galla tutte le nefandezze lessicali che possiamo tollerare, ed anche di più. Mentre nel Mondo si consumano tragedie epocali (vedi la Siria, per dirne una) e la crisi del lavoro disintegra intere Nazioni, questi scellerati continuano a razzolare, tutti quanti, nell'orticello della loro miserevole ed angusta visione delle cose, limitata ai fatti sporchi di un paese come il nostro, incapace di guardare oltre il proprio ombelico. In questo sono bravi tutti, a destra, a sinistra, ovunque. Sono ignoranti, perlopiù, e non tentano nemmeno di mascherarlo; aggiungono anche questo vessillo alle loro bandiere di personaggi arrancanti e pretenziosi di visibilità.
Come capitani derelitti, si fanno l…