Passa ai contenuti principali

Sfiorisce Fiorito



Sarebbe facile e un po' banale gioire per l'arresto di "Batman", alias Franco Fiorito. E' indubbio che vi sia un certo tipo di atteggiamento forcaiolo, in giro, che non solo è comprensibile, ma anche giusto, dal punto di vista morale e sociale. In me prevale, comunque, una sorta di tristezza per tutti noi. L'Italia, che è sempre stata così, non ha mai avuto un moto di scarto vero e i Fiorito de noartri, che sono tantissimi, hanno un dna che è stato modificato dall'impunità e dalla storia. Non vedo questa grande differenza tra un grande evasore, un ladro politicamente inserito e quello che va contro mano in auto per non fare il giro lungo. E dopo parcheggia pure sulle strisce. E se milioni di Italiani sono onesti e non dormono la notte per cento euro di debito (se va bene), ce ne sono altrettanti che tanto più furbi si credono se evadono e delinquono, certi che questo è lo Stato che ti guarda storto, ma poi ti lascia in pace perchè, tutto sommato, ogni cosa passa in cavalleria. Politicamente nessuno si prende la responsabilità di creare un movimento reale e compatto che scenda in strada a dire quello che va detto e fare quello che va fatto: ribaltare tutto questo Stato, farne qualcosa di meno indecente di ciò che è attualmente, ridare un minimo (sindacale?) di fiducia e prospettiva. Nessuno si vuole sporcare le mani, se non con i soldi. Quelli, che ci hanno insegnato, non hanno odore sono l'unica saponetta che pare siamo bravi a maneggiare, ma non per pulire.

Commenti

  1. fiorito è figlio di vent'anni di ultraberlusconismo, di soldi facili per senza scrupoli, di mostri della democrazia incontrollata (incontrollabile?). è consolante sapere che anche un presunto (soprattutto da se stesso) inattaccabile è finito in cella, piango per i suoi compagni di stanzetta, spero per loro che non gli lascino mai la branda superiore del letto a castello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me è un figlio di...
      Sia chiaro, e lo scriverò anche a Paola, che a me non dà fastidio che si faccia la galera. Non posso, però, esserne contento, perchè come Lui ce ne sono a milioni e questo, se permettete, mi fa incazzare.
      Io sono Italiano e questa gente non la voglio vicino.

      Elimina
  2. capisco quello che intendi.. ma se non c'è nessuno che prende in mano la situazione e organizza le discese in piazza, a me sta bene (starò pure diventando forcaiola) anche il carcere per Fiorito. Anzi troppi ce ne dovrebbero andare lì dentro, per un po' eh solo per un po', vedi come escono con idee diverse e magari anche dimagriti (hai visto Lele Mora?) Da qualcosa bisogna pur cominciare.. ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho detto a Luca, non è che io non voglia che vadano in galera. Ho affermato la mia tristezza nel vedermi circondato da gentaglia del genere e tu sai quanta ce n'è. Io spero che si inizi anche a tenerceli, in gabbia e non ritrovarceli dopo due mesi di nuovo a rompere i coglioni.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

O bello. Ciao.

Il gioco era di quelli possibili per tutti. Quando sono entrato in Facebook, dieci anni fa, ci si baloccava alla grande: come sempre era tutto da fare. Conoscevi un sacco di gente e pure bella, interessante, piacevole. Cazzeggio. Poi si va sul serio: ogni tipo di serietà, dalla politica al calcio (che serio non può mai essere), la musica, arte, quello che ti pare. E la cosa cresce, in termini di tempo. E poi di ansia. Chi dice che i "social network" creano angoscia e isolano non sbaglia. Non ha nemmeno ragione, comunque.

E iniziano i discorsi sull'uso del mezzo e non della sua inutilità: ma, infatti, Facebook non è mai stato inutile. E' cambiato, perchè è mutata la gente, il suo modo di approcciarsi al coso blu. Poi la spirale, per me da sempre debole da questo punto di vista, dell'affermazione: quanti hanno letto? E' piaciuto? Perchè quell'altro mi dice di lasciar perdere, che so?, la politica? La mia amica legge lui e non me. Che cazzo. No.

No, perchè …

L' effetto che fa.

A volte sembra quasi un incubo. Lucido e reale. Di quelli da cui ti svegli nei rari momenti di serenità che riesci a strappare qui e là. No, non parlo di psicofarmaci, sennò la goduria sarebbe più lunga. Lavoro, quello è un incubo. Chiarisco, non per tutti. Per quelli che come me, non avendo mai leccato il culo a nessuno, pagano le proprie colpe. Giustamente. Interamente, senza sconti, senza pietà. Ed è tutto corretto: non puoi appellarti.

Qualche mese fa, in un tribunale (e lì che si parla spesso del lavoro, qualcuno mi ha detto che per i mestieri "non qualificati" non c'è futuro. Ah, bene. Certamente il mondo si sta spostando verso le specializzazioni alte. Internet ha cambiato ogni cosa ed è solo l'inizio. Tutto va così veloce che nemmeno chi ci sta dentro riesce a tenere il passo. Dietro la scrivania c'è già qualcuno che ne sa più di te, o ha un'idea geniale, un'applicazione fottutamente innovativa o ha fatto tre master al "MIT".

Di questo …

Talula, eh?

"Talula, eh?'", dice la figlia di un'amica che ancora non si esprime in maniera fluente: "Paura, eh?" sta a significare. Ci si arriva da soli. E' la maniera così spontanea e pulita di chi ancora non sa "dire" ciò che prova, ma che sente perfettamente cosa significhi quel momento, quell'attimo: magari scendendo da uno scivolo, sbucciandosi le ginocchia, come spero sempre facciano più bambini possibile.
Che è meglio che imparare da un videogioco o dalle noiose parole degli adulti.

Eppure mi ha fatto pensare alle mie, di paure. Ormai, vista la vetusta età, acclarate e persino persistenti. E immagino pensiate soprattutto a quella della morte, della fine della corsa, dell'arriverderci e grazie, è stato bello ma breve. In effetti ci penso spesso, ma debbo ammettere, con un filo di sovraeccitazione, che non è la peggiore.
A volte vira verso l'indifferenza o, non me ne vogliate, la liberazione.

Ne ho mille altre: politiche (be', questa è …