Passa ai contenuti principali

Un pezzo di carta, un pezzo d'Italia





L'esemplificazione della distanza. In tempi complessi e veloci, in cui sembra che il gioco politico, oltre al massacro, porti alla distinzione tra un vecchio fossilizzato ed un nuovo gridato (ma ancora non verificato), un certo tipo di politico ed i suoi elettori giocano al vecchio ritornello del "Lei non sa chi sono io". Come, giustamente, faceva notare qualcuno, la riforma della visita fiscale, spauracchio abbastanza blando di assenteisti e furbetti più che tutelati, è stata portata avanti da quel sig. Brunetta, allora Ministro (sic), che si scagliava lancia in resta contro queste tipologie aberranti di lavoratori. Berlusconi non è uno qualsiasi: per fortuna del mondo ve n'è uno solo. Certamente questo gli concede privilegi che ad altri mortali si potrebbero spiegare solo con un film di fantascienza, ma dovrebbe anch'egli sottostare alle leggi (almeno quelle laiche) del Paese che ha governato e di cui, purtroppo, è cittadino. Tutte le dichiarazioni sbavate e sbavanti dei sui servi, la gente fuori dall'ospedale con i cartelli, "avvocati" che sono più parìa che altro, ci fanno ben comprendere che i principi di eguaglianza esistono solo sulla carta e non certo su quella di un certificato di visita fiscale. "Io sono io", ricordando quel Marchese del Grillo che, perlomeno, si beffava dell'ipocrisia della nobiltà. L'ex premier non fa neppure quello, compreso nella parte serissima del martire: lui, abituato a scherzare anche sulle disgrazie, stavolta, ed ogni volta che deve comparire davanti ad un giudice, non ride.
E non ridono molti Italiani, le cui avversità non si cancellano con l'arroganza o con la protervia, ma che devono lottare per sperare di avere un minimo di futuro.
Una certa Italia delira, un'altra Italia lotta.
Facile decidere da che parte stare.

[Grazie a Silvia Sissi Serra per il riferimento a Brunetta]

Commenti

  1. Gaia Fabrizia Righi10 marzo 2013 16:46

    Io direi più la tracotanza, l'imposizione, la belligeranza, la prevaricazione, la mistificazione della distanza.
    Per il resto, te l'appoggio su tutta la linea.
    Ah no, Brunetta l'avrei aggettivato con Mini-stro.
    Aloha!

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Ringrazio te, Gaia, e gli altri che hanno avuto la bontà di leggermi e vi chiedo scusa per un paio di errori di battitura che ho provveduto a rimuovere. La misura è colma, da molto, ma finchè una bella fetta di Italiani saranno consenzienti (e quindi "idioti"), per cambiare le cose dovremo fare una battaglia epica. Tutti insieme, però.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Perchè mi frega

Francamente non mi interessa. Non mi interessa quale potrebbe essere il vostro schieramento politico, la vostra idea della politica o se sapete cosa può (o potrebbe) essere la politica. Io non sono uno di quelli che si definiscono "osservatori privilegiati": fossimo ai tempi bui, potrei al massimo aspirare alla parte di servo della gleba con propensione a mettersi nei casini, dato che il culo non lo lecco a nessuno.

Non mi interessa neppure se non andate a votare, se ci andate, se vi fotografate mentre fate il dito medio tenendo in mano la scheda elettorale o se la vostra scrutatrice è una bella figliola e voi vorreste invitarla a pranzo, prima sapendo da che parte sta. E mi frega anche di meno se, il cinque marzo, farete ascese ardite e risalite per dire "Io lo sapevo" (tutti lo sanno, dopo).
Non mi frega proprio: vi prego, credetemi.

Arrivo a dire che non mi alza nulla neppure sapervi, che so?, fascisti. E sì che io, i fascisti, li aborro un attimo. Detto da uno…

Talula, eh?

"Talula, eh?'", dice la figlia di un'amica che ancora non si esprime in maniera fluente: "Paura, eh?" sta a significare. Ci si arriva da soli. E' la maniera così spontanea e pulita di chi ancora non sa "dire" ciò che prova, ma che sente perfettamente cosa significhi quel momento, quell'attimo: magari scendendo da uno scivolo, sbucciandosi le ginocchia, come spero sempre facciano più bambini possibile.
Che è meglio che imparare da un videogioco o dalle noiose parole degli adulti.

Eppure mi ha fatto pensare alle mie, di paure. Ormai, vista la vetusta età, acclarate e persino persistenti. E immagino pensiate soprattutto a quella della morte, della fine della corsa, dell'arriverderci e grazie, è stato bello ma breve. In effetti ci penso spesso, ma debbo ammettere, con un filo di sovraeccitazione, che non è la peggiore.
A volte vira verso l'indifferenza o, non me ne vogliate, la liberazione.

Ne ho mille altre: politiche (be', questa è …

O bello. Ciao.

Il gioco era di quelli possibili per tutti. Quando sono entrato in Facebook, dieci anni fa, ci si baloccava alla grande: come sempre era tutto da fare. Conoscevi un sacco di gente e pure bella, interessante, piacevole. Cazzeggio. Poi si va sul serio: ogni tipo di serietà, dalla politica al calcio (che serio non può mai essere), la musica, arte, quello che ti pare. E la cosa cresce, in termini di tempo. E poi di ansia. Chi dice che i "social network" creano angoscia e isolano non sbaglia. Non ha nemmeno ragione, comunque.

E iniziano i discorsi sull'uso del mezzo e non della sua inutilità: ma, infatti, Facebook non è mai stato inutile. E' cambiato, perchè è mutata la gente, il suo modo di approcciarsi al coso blu. Poi la spirale, per me da sempre debole da questo punto di vista, dell'affermazione: quanti hanno letto? E' piaciuto? Perchè quell'altro mi dice di lasciar perdere, che so?, la politica? La mia amica legge lui e non me. Che cazzo. No.

No, perchè …