Passa ai contenuti principali

Etica dell'ipocrisia



"Nel momento in cui l'Italia affronta una straordinaria depressione civile, economica e sociale combinata con una persistente fragilità politico-istituzionale, appare necessario evitare l'introduzione di elementi divisivi nel senso comune del popolo con particolare riferimento ai principi della tradizione, dalla vita alla famiglia naturale, alla libertà educativa". Con queste motivazioni, una parte (importante dirlo) del "PdL" vuole rinviare l'approvazione della auspicata, giusta legge sull'omofobia. Mi viene da pensare a quell'articolo di un paio di giorni fa che diceva che i treni di quarant'anni fa erano più veloci degli attuali (alta velocità una cippa). Sempre e comunque, convinti e sospinti da forze evidentemente ancora forti e radicate (DC), bisogna fermarsi dinanzi alla laicità di uno Stato, che mai lo è di fatto. Avere un Blog da parecchi anni è un esercizio difficile da rendere originale. Non si sa più quante volte gli argomenti sono gli stessi, mese dopo mese, anno dopo anno. Motivazioni come quelle riportate all'inizio fanno da cassa di risonanza alla pancia cattolica dell'Italia, quell'immenso ammasso di ipocriti e benpensanti che cementano, da secoli, con il loro fondamentalismo di facciata i mattoni dell'immobilismo. Non tutti i credenti sono così, lo sappiamo, nè tutti i politici, ma il semplice fatto che quattro giorni dalla discussione ci si erga a difensori della vita e della famiglia naturale fa comprendere come idee di questo genere mai siano sopite o, meglio, cambiate. Sarà da vedere cosa succede Venerdì, ammesso e non concesso che questa discussione ci arrivi, a quella data. Il "PdL" tiene per la giacca (diciamo così, va) il "PD": vuole più Ministri, vuole più spazio. Glielo daranno, probabilmente, fottuti dalla paura che questo Governo perda quei tre miseri paletti che lo tengono su. Ed il 30 si balla la rumba, ancora.
Chissà che nome ha la braca sui cui questi affrontano le tempeste continue di questa estate che diverrà bollente e ancora più fastidiosa.
Il nome ce l'avrei, ma Voi siete più bravi di me e l'avete capito.

Commenti

  1. Quest'anno , caro Daniele, va di moda la zumba .
    La rumba andava qualche anno fa :) Ciao ..su con la vita,c'è di peggio :(

    RispondiElimina
  2. Oh, certo c'è di peggio, ma appena possiamo fare qualcosa in direzione dei diritti civili e/o umani, chissà come, spuntano questo come funghi. E' nausea, la mia.
    Grazie.

    RispondiElimina
  3. Gaia Fabrizia Righi22 luglio 2013 13:15

    Divisivo.
    Io sono arrivata ad odiare la parola "divisivo".
    Che peraltro non ho mai amato, è impossibile amarla.
    Divisivi sono e saranno sempre loro, che con i loro discorsi seri ed inopportuni ci dividono dal nuovo millennio, dalla civiltà, dalla tolleranza, dalla libertà di culto e sessuale e da un sacco di altre cose carine e ci fanno sprecare tutte le occasioni.
    Ti risparmio il finale della citazione, che ben conosci, e che mai come ora è il mio pensiero.




    RispondiElimina
  4. Questo paese è diviso per cose anche più gravi, Gaia, e lo sappiamo. L'Unità Italiana passa dall'essere dei cattolici perfettini. Penso farebbero schifo anche al Papa.
    Grazie, cara.

    RispondiElimina
  5. tenere un blog è un esercizio di memoria e di passione, e come ogni esercizio è faticoso e a volte frustrante, ma i frutti si vedono

    RispondiElimina
  6. Grazie, Luca, davvero. Io e te sappiamo quanto sia difficile.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Perchè mi frega

Francamente non mi interessa. Non mi interessa quale potrebbe essere il vostro schieramento politico, la vostra idea della politica o se sapete cosa può (o potrebbe) essere la politica. Io non sono uno di quelli che si definiscono "osservatori privilegiati": fossimo ai tempi bui, potrei al massimo aspirare alla parte di servo della gleba con propensione a mettersi nei casini, dato che il culo non lo lecco a nessuno.

Non mi interessa neppure se non andate a votare, se ci andate, se vi fotografate mentre fate il dito medio tenendo in mano la scheda elettorale o se la vostra scrutatrice è una bella figliola e voi vorreste invitarla a pranzo, prima sapendo da che parte sta. E mi frega anche di meno se, il cinque marzo, farete ascese ardite e risalite per dire "Io lo sapevo" (tutti lo sanno, dopo).
Non mi frega proprio: vi prego, credetemi.

Arrivo a dire che non mi alza nulla neppure sapervi, che so?, fascisti. E sì che io, i fascisti, li aborro un attimo. Detto da uno…

Talula, eh?

"Talula, eh?'", dice la figlia di un'amica che ancora non si esprime in maniera fluente: "Paura, eh?" sta a significare. Ci si arriva da soli. E' la maniera così spontanea e pulita di chi ancora non sa "dire" ciò che prova, ma che sente perfettamente cosa significhi quel momento, quell'attimo: magari scendendo da uno scivolo, sbucciandosi le ginocchia, come spero sempre facciano più bambini possibile.
Che è meglio che imparare da un videogioco o dalle noiose parole degli adulti.

Eppure mi ha fatto pensare alle mie, di paure. Ormai, vista la vetusta età, acclarate e persino persistenti. E immagino pensiate soprattutto a quella della morte, della fine della corsa, dell'arriverderci e grazie, è stato bello ma breve. In effetti ci penso spesso, ma debbo ammettere, con un filo di sovraeccitazione, che non è la peggiore.
A volte vira verso l'indifferenza o, non me ne vogliate, la liberazione.

Ne ho mille altre: politiche (be', questa è …

O bello. Ciao.

Il gioco era di quelli possibili per tutti. Quando sono entrato in Facebook, dieci anni fa, ci si baloccava alla grande: come sempre era tutto da fare. Conoscevi un sacco di gente e pure bella, interessante, piacevole. Cazzeggio. Poi si va sul serio: ogni tipo di serietà, dalla politica al calcio (che serio non può mai essere), la musica, arte, quello che ti pare. E la cosa cresce, in termini di tempo. E poi di ansia. Chi dice che i "social network" creano angoscia e isolano non sbaglia. Non ha nemmeno ragione, comunque.

E iniziano i discorsi sull'uso del mezzo e non della sua inutilità: ma, infatti, Facebook non è mai stato inutile. E' cambiato, perchè è mutata la gente, il suo modo di approcciarsi al coso blu. Poi la spirale, per me da sempre debole da questo punto di vista, dell'affermazione: quanti hanno letto? E' piaciuto? Perchè quell'altro mi dice di lasciar perdere, che so?, la politica? La mia amica legge lui e non me. Che cazzo. No.

No, perchè …