Passa ai contenuti principali

Se c'ero, non ridevo



Una cosa come la telefonata di Vendola è manna, per la Rete. Credo di aver letto centinaia di commenti in poche ore, almeno dieci post e altrettante illuminate opinioni sull'accaduto: tutto ed il suo contrario, incazzature, difese, baggianate. La velocità di propagazione degli avvenimenti e delle loro conseguenze è sempre più veloce, immediata: travalica persino il contenuto stesso della notizia, deviando in migliaia di rivoli d'ogni sorta, fino al parossismo.

A me è rimasta una sgradevole sensazione, nel bailamme: ciò che è chiaro, evidente, è la spocchia e la fiducia nel proprio potere che agita moltissime delle figure politiche nostrane contemporanee. Quel sottile, ma mai spezzato, senso di quasi onnipotenza, di menefreghismo verso il peso delle parole, fosse anche nel privato di una conversazione che ha a che fare, comunque, con temi delicatissimi.

L'anti-politica ha una miriade di facce, ma qui, piuttosto, parlerei di giusta indignazione per il modo con cui ci si muove, con cui si esplicano concetti e difese del proprio stato, per la maniera colma di alterigia con cui si trattano elettori e lavoratori. Insomma, la comunicazione verbale e non, a certi livelli, diviene canzonatura (i giornalisti sono visti come persone fastidiose, per esempio). Che, poi, è quello che la politica combatte: le parole fastidiose, il web che "discute", che si permette di riferire le opinioni di chiunque.

All'oscuro delle conseguenze di questa conversazione (anche per chi l'ha messa a disposizione), penso che siamo sempre fermi al punto di partenza: non c'è un vera Democrazia, ma un insieme di caste che hanno sempre e per sempre un diritto che tutti gli altri non hanno. Fare come gli pare e quando gli pare. Quindi non è solo un corto-circuito semantico, ma la riprova che ci sono molti pesi e moltissime misure.


Commenti

  1. Ne abbiamo parlato più volte, condivido ciò che hai scritto e lo percepisco ogni giorno nell'ambiente in cui opero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno. Grazie della visita.
      Noi siamo coloro che la voce non la possono alzare. Ciò è concesso solo ai pochi eletti, in tutti i sensi.

      Elimina
  2. verissima la tua prima considerazione, non può succedere niente o quasi che in un batter d'occhio non si sappia, non ci si commenti sopra ecc. (io mi metto nel mucchio ovviamente)..
    Nello specifico penso, per quello che può valere, che Vendola abbia usato in effetti nella famosa telefonata-ridens della captatio benevolentiae, la risatina/gomitata al potente per non irritarlo troppo: credo non sia molto facile gestire i rapporti con chi ha (tuttora) in mano le sorti lavorative di quasi un'intera città. Ovviamente se la risatina l'avesse fatto uno di destra e non Vendola, che ho ascoltato varie volte, di cui conosco come tanti a sinistra, un po' la storia, la penserei diversamente. E ora criticami pure, magari sbaglio.. Un saluto

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

O bello. Ciao.

Il gioco era di quelli possibili per tutti. Quando sono entrato in Facebook, dieci anni fa, ci si baloccava alla grande: come sempre era tutto da fare. Conoscevi un sacco di gente e pure bella, interessante, piacevole. Cazzeggio. Poi si va sul serio: ogni tipo di serietà, dalla politica al calcio (che serio non può mai essere), la musica, arte, quello che ti pare. E la cosa cresce, in termini di tempo. E poi di ansia. Chi dice che i "social network" creano angoscia e isolano non sbaglia. Non ha nemmeno ragione, comunque.

E iniziano i discorsi sull'uso del mezzo e non della sua inutilità: ma, infatti, Facebook non è mai stato inutile. E' cambiato, perchè è mutata la gente, il suo modo di approcciarsi al coso blu. Poi la spirale, per me da sempre debole da questo punto di vista, dell'affermazione: quanti hanno letto? E' piaciuto? Perchè quell'altro mi dice di lasciar perdere, che so?, la politica? La mia amica legge lui e non me. Che cazzo. No.

No, perchè …

L' effetto che fa.

A volte sembra quasi un incubo. Lucido e reale. Di quelli da cui ti svegli nei rari momenti di serenità che riesci a strappare qui e là. No, non parlo di psicofarmaci, sennò la goduria sarebbe più lunga. Lavoro, quello è un incubo. Chiarisco, non per tutti. Per quelli che come me, non avendo mai leccato il culo a nessuno, pagano le proprie colpe. Giustamente. Interamente, senza sconti, senza pietà. Ed è tutto corretto: non puoi appellarti.

Qualche mese fa, in un tribunale (e lì che si parla spesso del lavoro, qualcuno mi ha detto che per i mestieri "non qualificati" non c'è futuro. Ah, bene. Certamente il mondo si sta spostando verso le specializzazioni alte. Internet ha cambiato ogni cosa ed è solo l'inizio. Tutto va così veloce che nemmeno chi ci sta dentro riesce a tenere il passo. Dietro la scrivania c'è già qualcuno che ne sa più di te, o ha un'idea geniale, un'applicazione fottutamente innovativa o ha fatto tre master al "MIT".

Di questo …

Talula, eh?

"Talula, eh?'", dice la figlia di un'amica che ancora non si esprime in maniera fluente: "Paura, eh?" sta a significare. Ci si arriva da soli. E' la maniera così spontanea e pulita di chi ancora non sa "dire" ciò che prova, ma che sente perfettamente cosa significhi quel momento, quell'attimo: magari scendendo da uno scivolo, sbucciandosi le ginocchia, come spero sempre facciano più bambini possibile.
Che è meglio che imparare da un videogioco o dalle noiose parole degli adulti.

Eppure mi ha fatto pensare alle mie, di paure. Ormai, vista la vetusta età, acclarate e persino persistenti. E immagino pensiate soprattutto a quella della morte, della fine della corsa, dell'arriverderci e grazie, è stato bello ma breve. In effetti ci penso spesso, ma debbo ammettere, con un filo di sovraeccitazione, che non è la peggiore.
A volte vira verso l'indifferenza o, non me ne vogliate, la liberazione.

Ne ho mille altre: politiche (be', questa è …