Passa ai contenuti principali

Il capo del branco


Tre ore di adrenalina sparata come le droghe che campeggiano ovunque: un'apnea di sensazioni visive e sonore di difficile paragone. Gli Americani tendono a fare film in cui dicono, in sostanza, che sono stati cattivi, che hanno sbagliato, che c'è qualcosa di endemico nel loro desiderio di essere in cima al mondo, anche a discapito della massa. Perchè chi vuole emergere deve essere un lupo, per forza. Soprattutto se si tratta di fare soldi, quelli veri, quelli tanti. E loro sanno di cosa si parla.

La fine è sempre quella, cambia se c'è redenzione o meno. Di Caprio, che offre una gamma di capacità attoriali assolutamente di livello, dà al suo personaggio poche chances, come è accaduto al vero Jordan Belfort: d'altro canto se solo la metà di quello che si vede è vero, l' "happy ending" te lo puoi scordare. Non per un fatto di giustizia (non esiste una giustizia che possa riparare ai danni che questi fanno, nel tempo), ma perchè tutta la parabola di questo broker è un invito all'autodistruzione. Una vita spesa per arrivare alla grande alla fine (emblematica la scena della tempesta).

Scorsese fa quello che gli riesce meglio: non ti lascia scampo, ti mette di fronte ad uno spettacolo tragico e sontuoso, sceglie con destrezza attori (nota più che positiva per Jonah Hill e Matthew McConaughey) e situazioni, potrebbe venderti una macchina intanto che guardi il film. Tutto il sesso, la volgarità, gli eccessi sfiancanti sono consoni all'atmosfera. Anche la scelta delle canzoni non è affatto secondaria. Insomma, ormai una garanzia.

Certo le polemiche sono enormi: gente truffata per anni che si imbestialisce vedendo la presunta glorificazione di tanta avidità, di tanto menefreghismo verso tutto e tutti, nel riconoscere in questi personaggi le peggiori qualità degli esseri cosiddetti umani. Persone che ancora oggi pagano sulla loro pelle un'idea di finanza che sta mettendo tutti i "normali" sul lastrico anche adesso (perchè, diciamolo, quello che fa Belfort con la sua compagnia di strafatti accade ancora, eccome).

Qui la visione diventa veramente personale. A me ha lasciato un fortissimo senso di amarezza, senza alcuna compassione. Non invidia, non empatia, ma tristezza. Be', i soldi piacciono a tutti, non facciamo gli ipocriti: Belfort li fa in maniera criminale, ma scintillante. Quella luce che brilla di continuo negli occhi degli attori nasconde la tenebra del nulla, del rimando dell'inevitabile. Più che un dramma, illusione.

E Gordon Gekko, credetemi, era un dilettante.

Commenti

  1. Curiosissimo.
    E bella recensione, secca e chiara!
    Ciao Dan

    RispondiElimina
  2. recensione davvero affascinante! .. pensa che io rimasi sconvolta da Gordon Gekko.. forse è bene avere una pietra di paragone col 'Male', tanto per ristabilire alcuni principi.. poi come dici tu, chi è senza peccato( di desiderare di avere un po' più di soldi) scagli la prima pietra, e però quando leggo GLI 85 SUPER-RICCHI VALGONO QUANTO 3,5 MILIARDI DI POVERI, sento che un 'piiiiccolo' riequilibrio è molto urgente..

    RispondiElimina
  3. Grazie. La notizia che tu riporti (ne parlavo giusto ieri con un amico) è allucinante. La disparità sociale è un problema enorme e te lo dice uno che la sopporta ogni giorno. Poi dicono che il nuovo avanza (e non dico altro): qui ci vorrebbero altre idee, magari vecchie, ma che andavano bene. E tu sai a cosa mi riferisco. Ciao e grazie ancora.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

O bello. Ciao.

Il gioco era di quelli possibili per tutti. Quando sono entrato in Facebook, dieci anni fa, ci si baloccava alla grande: come sempre era tutto da fare. Conoscevi un sacco di gente e pure bella, interessante, piacevole. Cazzeggio. Poi si va sul serio: ogni tipo di serietà, dalla politica al calcio (che serio non può mai essere), la musica, arte, quello che ti pare. E la cosa cresce, in termini di tempo. E poi di ansia. Chi dice che i "social network" creano angoscia e isolano non sbaglia. Non ha nemmeno ragione, comunque.

E iniziano i discorsi sull'uso del mezzo e non della sua inutilità: ma, infatti, Facebook non è mai stato inutile. E' cambiato, perchè è mutata la gente, il suo modo di approcciarsi al coso blu. Poi la spirale, per me da sempre debole da questo punto di vista, dell'affermazione: quanti hanno letto? E' piaciuto? Perchè quell'altro mi dice di lasciar perdere, che so?, la politica? La mia amica legge lui e non me. Che cazzo. No.

No, perchè …

L' effetto che fa.

A volte sembra quasi un incubo. Lucido e reale. Di quelli da cui ti svegli nei rari momenti di serenità che riesci a strappare qui e là. No, non parlo di psicofarmaci, sennò la goduria sarebbe più lunga. Lavoro, quello è un incubo. Chiarisco, non per tutti. Per quelli che come me, non avendo mai leccato il culo a nessuno, pagano le proprie colpe. Giustamente. Interamente, senza sconti, senza pietà. Ed è tutto corretto: non puoi appellarti.

Qualche mese fa, in un tribunale (e lì che si parla spesso del lavoro, qualcuno mi ha detto che per i mestieri "non qualificati" non c'è futuro. Ah, bene. Certamente il mondo si sta spostando verso le specializzazioni alte. Internet ha cambiato ogni cosa ed è solo l'inizio. Tutto va così veloce che nemmeno chi ci sta dentro riesce a tenere il passo. Dietro la scrivania c'è già qualcuno che ne sa più di te, o ha un'idea geniale, un'applicazione fottutamente innovativa o ha fatto tre master al "MIT".

Di questo …

Talula, eh?

"Talula, eh?'", dice la figlia di un'amica che ancora non si esprime in maniera fluente: "Paura, eh?" sta a significare. Ci si arriva da soli. E' la maniera così spontanea e pulita di chi ancora non sa "dire" ciò che prova, ma che sente perfettamente cosa significhi quel momento, quell'attimo: magari scendendo da uno scivolo, sbucciandosi le ginocchia, come spero sempre facciano più bambini possibile.
Che è meglio che imparare da un videogioco o dalle noiose parole degli adulti.

Eppure mi ha fatto pensare alle mie, di paure. Ormai, vista la vetusta età, acclarate e persino persistenti. E immagino pensiate soprattutto a quella della morte, della fine della corsa, dell'arriverderci e grazie, è stato bello ma breve. In effetti ci penso spesso, ma debbo ammettere, con un filo di sovraeccitazione, che non è la peggiore.
A volte vira verso l'indifferenza o, non me ne vogliate, la liberazione.

Ne ho mille altre: politiche (be', questa è …