Passa ai contenuti principali

Il Ministro dei temporali


Penso di aver già dato. Negli anni di parole scritte qui ed altrove, ho provato a dire cose perlomeno sensate e personali sul mio Paese, soprattutto sulla politica. Questa cosa strana che dovrebbe regolare la vita di noi tutti e darci certezze, farci sentire cittadini consapevoli e partecipativi, mi sta annoiando. Lo dico con molta sincerità e ammettendo anche una bella dose di pigrizia intellettuale.

Il mio livello d'attenzione è scarso, come quando a scuola si faceva religione e i quaderni si riempivano di scarabocchi o si leggeva qualcosa per tentare di far vedere che s'era studiato per la materia dopo. Adesso navigo sul mare delle soluzioni ai problemi quotidiani, per rimediare agli inevitabili casini costruiti su scelte a volte sbagliate, spesso imposte, giornalmente subite.

Questo è. L'egoismo non nasce dal menefreghismo, nè dall'inconsapevolezza: quest'ultima è ampiamente sparsa, in Italia, e cresce figlia di un atteggiamento che si propaga per vie di comunicazione populistica, dando appiglio a chi casca dalle nuvole sempre e comunque. L'ignoranza non va premiata, va combattuta e io cerco di farlo per me stesso: gli altri (non quelli intelligenti e che mi onoro di conoscere) se voglion viver come bruti, s'accomodino.
Troveranno sempre qualcuno pronto ad accoglierli.

Nè è una pausa, tutto questo. Tutt'altro. La mente non si ferma mai e nessuno ha ancora inventato una pillola che la metta in stand-by affinché si rigeneri e cancelli i pensieri negativi. Ci vorrebbe un bel Ministero dei Temporali che pensi a lavare un po' di coscienze e, magari, dia l'allarme se viene a piovere, che da noi bastano due giorni per disintegrare tutto.

Anche la forza di volontà.

"Il ministro dei temporali in un tripudio di tromboni auspicava democrazia con la tovaglia sulle mani e le mani sui coglioni." (Fabrizio de Andrè, "La domenica delle salme", da "Le nuvole", 1990, ed. Ricordi/Fonit Cetra)

Commenti

  1. condivido compagno.. io il rigetto da questo modo di fare politica l'ho avuto parecchio tempo fa...

    militante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, tra gli infiniti difetti che ho, sono anche testardo. E blatero nel nulla. Ma che mi frega? Chi vuol capire, intende benissimo. Grazie, caro.

      Elimina
  2. il problema (e la sua soluzione) sta proprio nel fatto che la mente non si ferma mai, non può farlo, non glielo permetteremmo, e dunque queste noie continueranno a stimolarci, magari ad irritarci, se non altro a farci venire delle domande e a cercare delle risposte
    e poi non ti manca la volontà, si sa
    buona giornata danielone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Luca,
      la mia mente è strapiena e non di belle cose. Parlavo proprio stamani dell'egoismo, che è il tratto ormai distintivo di questa fase delle nostre vite. Non riusciamo/possiamo più a pensare agli altri, ma solamente a sopravvivere. Non tutti, ovvio e non con questa mio insopportabile disfattismo. Però qui dico di me e questo è. Guardo mia figlia e mi vergogno: certo, colpa mia, ma ormai essere colpevoli non conta più un cazzo. Non hai nessuna possibilità.
      Detto questo, birra?
      :-D

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Ah, Luca! Mi spiace non commentare da te, ma "Wordpress" ce l'ha con me. Mi fa cambiare la password ogni volta e non la riconosce MAI. Francamente mi sono rotto le balle. Magari mi dirai come fare...

    RispondiElimina
  5. Noi non ci fermeremo mai di pensare e di incazzarci.
    Mi conosco, ti conosco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, Gaia. Io parlo e scrivo, ma poi vivo con il Maalox a portata di mano.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

O bello. Ciao.

Il gioco era di quelli possibili per tutti. Quando sono entrato in Facebook, dieci anni fa, ci si baloccava alla grande: come sempre era tutto da fare. Conoscevi un sacco di gente e pure bella, interessante, piacevole. Cazzeggio. Poi si va sul serio: ogni tipo di serietà, dalla politica al calcio (che serio non può mai essere), la musica, arte, quello che ti pare. E la cosa cresce, in termini di tempo. E poi di ansia. Chi dice che i "social network" creano angoscia e isolano non sbaglia. Non ha nemmeno ragione, comunque.

E iniziano i discorsi sull'uso del mezzo e non della sua inutilità: ma, infatti, Facebook non è mai stato inutile. E' cambiato, perchè è mutata la gente, il suo modo di approcciarsi al coso blu. Poi la spirale, per me da sempre debole da questo punto di vista, dell'affermazione: quanti hanno letto? E' piaciuto? Perchè quell'altro mi dice di lasciar perdere, che so?, la politica? La mia amica legge lui e non me. Che cazzo. No.

No, perchè …

L' effetto che fa.

A volte sembra quasi un incubo. Lucido e reale. Di quelli da cui ti svegli nei rari momenti di serenità che riesci a strappare qui e là. No, non parlo di psicofarmaci, sennò la goduria sarebbe più lunga. Lavoro, quello è un incubo. Chiarisco, non per tutti. Per quelli che come me, non avendo mai leccato il culo a nessuno, pagano le proprie colpe. Giustamente. Interamente, senza sconti, senza pietà. Ed è tutto corretto: non puoi appellarti.

Qualche mese fa, in un tribunale (e lì che si parla spesso del lavoro, qualcuno mi ha detto che per i mestieri "non qualificati" non c'è futuro. Ah, bene. Certamente il mondo si sta spostando verso le specializzazioni alte. Internet ha cambiato ogni cosa ed è solo l'inizio. Tutto va così veloce che nemmeno chi ci sta dentro riesce a tenere il passo. Dietro la scrivania c'è già qualcuno che ne sa più di te, o ha un'idea geniale, un'applicazione fottutamente innovativa o ha fatto tre master al "MIT".

Di questo …

Talula, eh?

"Talula, eh?'", dice la figlia di un'amica che ancora non si esprime in maniera fluente: "Paura, eh?" sta a significare. Ci si arriva da soli. E' la maniera così spontanea e pulita di chi ancora non sa "dire" ciò che prova, ma che sente perfettamente cosa significhi quel momento, quell'attimo: magari scendendo da uno scivolo, sbucciandosi le ginocchia, come spero sempre facciano più bambini possibile.
Che è meglio che imparare da un videogioco o dalle noiose parole degli adulti.

Eppure mi ha fatto pensare alle mie, di paure. Ormai, vista la vetusta età, acclarate e persino persistenti. E immagino pensiate soprattutto a quella della morte, della fine della corsa, dell'arriverderci e grazie, è stato bello ma breve. In effetti ci penso spesso, ma debbo ammettere, con un filo di sovraeccitazione, che non è la peggiore.
A volte vira verso l'indifferenza o, non me ne vogliate, la liberazione.

Ne ho mille altre: politiche (be', questa è …