Passa ai contenuti principali

Un agosto torrido


Nel 2007 il drammaturgo Tracy Letts vince il "Pulitzer" con "August: Osage County" che diviene un grande successo teatrale. Perfetto testo per uno di quei film parlati che a me piacciono per la loro avulsa voglia di non essere sempre e solo pellicole che devono stupire ad ogni costo. Certo anche qui c'è il colpo di scena, anzi di teatro: ci sono le ambientazioni quasi estreme nella loro perfetta normalità e ci sono gli attori, quelli bravi.

Nessuno di questi, all'interno della vicenda di una famiglia non a pezzi, ma letteralmente distrutta, è meno che bravo. E' un altro esempio di film cucito addosso agli interpreti per esaltarne l'istrionica perfezione, per stillare (vista anche l'ambientazione estiva) ogni goccia di capacità espressiva, ogni tono di voce possibile. E' un male? Di per sè no, ma è anche un limite.

In una vicenda dove gli uomini (tranne uno, che, tutto sommato è secondario) sono meno perfidi delle loro disintegrate donne, ogni azione, anche la più piccola, ruota attorno a questi picchi di teatralità. Per carità, il fine giustifica i mezzi: la storia è di quelle che piacciono al pubblico un po' meno affine ai film di cassetta, a coloro che non disdegnano una punta di snobismo. Grandi afflizioni, redenzioni, pentimenti, strilli e dolcezza.

Una storia senza dubbio americana, che vive anche della sua natura di specchio di una certa società decaduta e decadente che si ama molto mettere in scena. E il gioco riesce: il film è senza dubbio coinvolgente, con dialoghi, ovviamente, perfetti, ma proprio per questo anche asettici. Mi chiedo sempre se, poi, si parlerebbe davvero così e se quello che vedo non sia solo allegoria.

La Streep e la Roberts si prendono un'altra nomination e se la meritano. Giocano le loro carte con la sicurezza di sapere che sono le migliori che hanno: non nascondono nè le rughe nè una certa dose di autoreferenzialità.

Lode al fatto che, per l'intera durata del film, non si vede neanche un PC o un cellulare.
Alleluja.

Post popolari in questo blog

Perchè mi frega

Francamente non mi interessa. Non mi interessa quale potrebbe essere il vostro schieramento politico, la vostra idea della politica o se sapete cosa può (o potrebbe) essere la politica. Io non sono uno di quelli che si definiscono "osservatori privilegiati": fossimo ai tempi bui, potrei al massimo aspirare alla parte di servo della gleba con propensione a mettersi nei casini, dato che il culo non lo lecco a nessuno.

Non mi interessa neppure se non andate a votare, se ci andate, se vi fotografate mentre fate il dito medio tenendo in mano la scheda elettorale o se la vostra scrutatrice è una bella figliola e voi vorreste invitarla a pranzo, prima sapendo da che parte sta. E mi frega anche di meno se, il cinque marzo, farete ascese ardite e risalite per dire "Io lo sapevo" (tutti lo sanno, dopo).
Non mi frega proprio: vi prego, credetemi.

Arrivo a dire che non mi alza nulla neppure sapervi, che so?, fascisti. E sì che io, i fascisti, li aborro un attimo. Detto da uno…

Miserabili now

Qualche giorno fa, leggendo il solito bel post dell'amico Gilberto, mi sono soffermato su un termine da lui usato: miserabile. Adesso esulo dal contesto in cui lui lo inseriva e me ne servo per tutt'altro discorso. La parola la uso piuttosto poco: di solito è per definire una persona che disprezzo, per cui non ho alcuna stima, un perfetto coglione, per essere estremamente chiari.
E cercherò di essere cristallino.

Le cose, lo sapete, valgono assai di più se provate sulla propria pelle. Le esperienze più delle parole; un assioma. Se non hai mai potato un albero non sai quale sia la fatica o i problemi che comporta: è solo per dire che ci riempiamo la bocca di opinioni su mille cose, ma ciò che viviamo è quello che conosciamo davvero. Il resto sta alla nostra attenzione, preparazione, agli interessi, a dove e cosa impariamo.

Facciamo così. Io vi dico che adesso so per certo che significhi essere un miserabile, lavorativamente ed economicamente parlando. Non che io abbia mai vissuto …

Talula, eh?

"Talula, eh?'", dice la figlia di un'amica che ancora non si esprime in maniera fluente: "Paura, eh?" sta a significare. Ci si arriva da soli. E' la maniera così spontanea e pulita di chi ancora non sa "dire" ciò che prova, ma che sente perfettamente cosa significhi quel momento, quell'attimo: magari scendendo da uno scivolo, sbucciandosi le ginocchia, come spero sempre facciano più bambini possibile.
Che è meglio che imparare da un videogioco o dalle noiose parole degli adulti.

Eppure mi ha fatto pensare alle mie, di paure. Ormai, vista la vetusta età, acclarate e persino persistenti. E immagino pensiate soprattutto a quella della morte, della fine della corsa, dell'arriverderci e grazie, è stato bello ma breve. In effetti ci penso spesso, ma debbo ammettere, con un filo di sovraeccitazione, che non è la peggiore.
A volte vira verso l'indifferenza o, non me ne vogliate, la liberazione.

Ne ho mille altre: politiche (be', questa è …