Passa ai contenuti principali

L'equilibrista


Renzi non ha tempo da perdere. Non può fermarsi, ci sono urgenze ovunque. Quindi, figuriamoci se può guardare un film. Non se ne parla. Però, se avesse cinque minuti (magari a pranzo, sull'iPad), potrebbe visionare solo gli ultimi cinque minuti de "Gli equilibristi". Solo quelli.

Nello sguardo di Valerio Mastrandrea, che interpreta un uomo sull'orlo del baratro totale, vi è tutto quello che c'è da dire d'importante sull'Italia di oggi. Anzi, specifichiamo: su una delle tante "Italie" che i politici s'immaginano. Una di quelle che la parola speranza suona sempre più vuota, fessa.

Non perchè Renzi o i suoi Ministri non conoscano la situazione dei disoccupati di lungo corso, dei padri di famiglia sbattuti fuori casa e che non hanno un centesimo in tasca, o dei giovani abbattuti ancor prima di iniziare la loro corsa ad una vita autonoma e dignitosa. No, lo sanno, di tutte queste cose. Però non vivono in un mondo fatato con le bacchette magiche. Piuttosto brancolano in un paese fatto di parole e parole, promesse, editti, discorsi a braccio e la solita vecchia retorica parlamentare.

Difficile ormai che s'immaginino che molta gente gliela dia per buona sulla fiducia. Eppure la pervicacia con cui s'incaponiscono a far finta che tutto può cambiare è deprimente, illusorio ed anche un poco offensivo.
Bisognerebbe essere così realisti da dargli il tempo d'iniziare a lavorare, dargli modo di stupirci, di leggere, un domani, un libro di storia in cui questo ennesimo Governo guidato da fuori, da altri, verrà ricordato come quello epocale sul serio.

E' che non si può frustare un cavallo morto.
Nè cambiare uno Stato in quattro mesi. Troppo realista o troppo pessimista?
Forse troppo lineare.

"Con l'età si diventa lineari."
(Cormac McCarthy, "Non è un paese per vecchi", Einaudi).

Commenti

  1. Possiamo solo augurarci che per qualche strana congiunzione astrale questa possa essere davvero la volta buona, così come l'hashtag lanciato dal neo-presidente. Perché se no, davvero, non riesco nemmeno ad immaginare quanto potremo cadere in basso.
    Boh, Danié, sta di fatto che da un paio d'anni a questa parte davvero ogni passo sembra l'ultimo prima di sprofondare, so solo che è una situazione di merda.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  2. Gaia Fabrizia Righi25 febbraio 2014 10:04

    Non è nemmeno questione di linearità,sai?
    E' che conoscono molto bene i loro polli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccome. Tutti, dal 1948, sono degli esperti allevatori di polli e galline. Soprattutto queste ultime, che per molti fanno le uova d'oro. Sarà sempre così, temo. Il potere della propaganda di pancia è incommensurabile: eppure servirebbero dei ragionamenti. Se vuoi lineari, ma ragionamenti.

      Elimina
    2. Gaia Fabrizia Righi25 febbraio 2014 11:48

      Questo è anche vero.
      Sempre più spesso mi capita di osservare i miei figli e di chiedermi come faranno a sgavagnarla.
      Senza uno straccio di speranza e con un unico ideale nella vita marcato Apple o Samsung.

      Elimina
    3. La nostra grande battaglia, cara sorella, è proprio questa. Ora resta da vedere se la dobbiamo combattere qui o in un altro Paese.

      Elimina
  3. Come dicevo, la parola "speranza" ormai la fanno suonare fessa. Io, personalmente, cerco di darmi da fare per ritrovare un lavoro ed un dignità. Di sicuro nessuno t'aiuta: t'affidi a persone di buon senso, che ancora ci sono, ma anche loro non sanno che fare. Non è tutto da buttare, ma non è neanche che dalle persone come me ci si possa aspettare dei grandi entusiasmi. Grazie, Drugo.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Perchè mi frega

Francamente non mi interessa. Non mi interessa quale potrebbe essere il vostro schieramento politico, la vostra idea della politica o se sapete cosa può (o potrebbe) essere la politica. Io non sono uno di quelli che si definiscono "osservatori privilegiati": fossimo ai tempi bui, potrei al massimo aspirare alla parte di servo della gleba con propensione a mettersi nei casini, dato che il culo non lo lecco a nessuno.

Non mi interessa neppure se non andate a votare, se ci andate, se vi fotografate mentre fate il dito medio tenendo in mano la scheda elettorale o se la vostra scrutatrice è una bella figliola e voi vorreste invitarla a pranzo, prima sapendo da che parte sta. E mi frega anche di meno se, il cinque marzo, farete ascese ardite e risalite per dire "Io lo sapevo" (tutti lo sanno, dopo).
Non mi frega proprio: vi prego, credetemi.

Arrivo a dire che non mi alza nulla neppure sapervi, che so?, fascisti. E sì che io, i fascisti, li aborro un attimo. Detto da uno…

Talula, eh?

"Talula, eh?'", dice la figlia di un'amica che ancora non si esprime in maniera fluente: "Paura, eh?" sta a significare. Ci si arriva da soli. E' la maniera così spontanea e pulita di chi ancora non sa "dire" ciò che prova, ma che sente perfettamente cosa significhi quel momento, quell'attimo: magari scendendo da uno scivolo, sbucciandosi le ginocchia, come spero sempre facciano più bambini possibile.
Che è meglio che imparare da un videogioco o dalle noiose parole degli adulti.

Eppure mi ha fatto pensare alle mie, di paure. Ormai, vista la vetusta età, acclarate e persino persistenti. E immagino pensiate soprattutto a quella della morte, della fine della corsa, dell'arriverderci e grazie, è stato bello ma breve. In effetti ci penso spesso, ma debbo ammettere, con un filo di sovraeccitazione, che non è la peggiore.
A volte vira verso l'indifferenza o, non me ne vogliate, la liberazione.

Ne ho mille altre: politiche (be', questa è …

O bello. Ciao.

Il gioco era di quelli possibili per tutti. Quando sono entrato in Facebook, dieci anni fa, ci si baloccava alla grande: come sempre era tutto da fare. Conoscevi un sacco di gente e pure bella, interessante, piacevole. Cazzeggio. Poi si va sul serio: ogni tipo di serietà, dalla politica al calcio (che serio non può mai essere), la musica, arte, quello che ti pare. E la cosa cresce, in termini di tempo. E poi di ansia. Chi dice che i "social network" creano angoscia e isolano non sbaglia. Non ha nemmeno ragione, comunque.

E iniziano i discorsi sull'uso del mezzo e non della sua inutilità: ma, infatti, Facebook non è mai stato inutile. E' cambiato, perchè è mutata la gente, il suo modo di approcciarsi al coso blu. Poi la spirale, per me da sempre debole da questo punto di vista, dell'affermazione: quanti hanno letto? E' piaciuto? Perchè quell'altro mi dice di lasciar perdere, che so?, la politica? La mia amica legge lui e non me. Che cazzo. No.

No, perchè …