Passa ai contenuti principali

La (ri)vincita del nulla



Andare contro tutto e tutti, contro il buonsenso e persino il pudore. Da anni si è sdoganata una forma di comunicazione, soprattutto, politica in cui la semantica è piegata, usata con una leggerezza fastidiosa, livellata verso il basso. In questo sono uniti tutti: partiti, personaggi pubblici, "politici", anche i giornali. Potremmo definirla semplicemente semplificazione dei concetti, ma non è così bella, in effetti.

Se qualcuno pensa che una persona come Berlusconi vada candidato a delle elezioni Europee per "...un fatto di civiltà" (cit. Brunetta), usa un concetto alto e lo rende pura fuffa mediatica. Dietro a questo presunto ragionamento (sic) c'è solo l'opportunismo di quelli, senza "se" e senza "ma", vogliono restare al loro posto, a dispetto di leggi e norme che dovrebbero essere accettate e basta, in quanto ratificate.

Ammantare tutto quanto, ma proprio tutto, con il sulfureo miasma del complotto ordito ai danni di coloro che, seppur delinquenti condannati (e questo "signore" non è certo l'unico, nei partiti Italiani), hanno il diritto di continuare ad amministrare un Paese, è l'arma con cui si abbindolano milioni di votanti. Questi ultimi, per le più svariate ragioni personali, si ritrovano di continuo in tale disonestà intellettuale, fieri di avere argomenti da bar trasformati in filosofia morale e argomentazioni politiche alte.

Non c'è dubbio che chi propone siffatti, tragici emendamenti alla ragione ha capito molto e da molto. La tendenza è, ormai, consolidata e consolatrice. L'importante non è essere onesti mentalmente, ma più furbi degli altri, più scaltri, più maneggioni.
E' la rivincita del nulla.
Gli hanno dato pure un rigore, a quanto pare.

David Smith, "Hudson River Landscape", 1951 - Whitney Museum of American Art, New York.

Commenti

  1. maledetti, il loro diritto di mantenere il potere è l'unico diritto che riconoscono
    caro danielone, il furto del significato delle parole è un crimine odioso, l'importante è avere la lucidità giusta per accorgersene e denunciarlo, perché nulla deve rimanere impunito
    t'abbraccio,
    luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si applica, quindi, caro Luca, il concetto di resistenza. Chiariamo, siccome purtroppo in Italia va di moda il revisionismo: resistenza significa anche non permettere che la nostra dignità intellettiva venga messa in discussione da questi eminenti cretini.
      Poi, per me, resistere è anche rifarmi a determinati valori, ma non pretendo che ciò si compreso.
      E' inutile.
      Ricambio con affetto.

      Elimina
    2. ah io comprendo, comprendo eccome
      comprendo e applico, ora e sempre

      Elimina
  2. il signorino è fuori gioco per due anni, la resistenza (anche se a duro prezzo..) alla fine paga
    ciao Dan!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

O bello. Ciao.

Il gioco era di quelli possibili per tutti. Quando sono entrato in Facebook, dieci anni fa, ci si baloccava alla grande: come sempre era tutto da fare. Conoscevi un sacco di gente e pure bella, interessante, piacevole. Cazzeggio. Poi si va sul serio: ogni tipo di serietà, dalla politica al calcio (che serio non può mai essere), la musica, arte, quello che ti pare. E la cosa cresce, in termini di tempo. E poi di ansia. Chi dice che i "social network" creano angoscia e isolano non sbaglia. Non ha nemmeno ragione, comunque.

E iniziano i discorsi sull'uso del mezzo e non della sua inutilità: ma, infatti, Facebook non è mai stato inutile. E' cambiato, perchè è mutata la gente, il suo modo di approcciarsi al coso blu. Poi la spirale, per me da sempre debole da questo punto di vista, dell'affermazione: quanti hanno letto? E' piaciuto? Perchè quell'altro mi dice di lasciar perdere, che so?, la politica? La mia amica legge lui e non me. Che cazzo. No.

No, perchè …

L' effetto che fa.

A volte sembra quasi un incubo. Lucido e reale. Di quelli da cui ti svegli nei rari momenti di serenità che riesci a strappare qui e là. No, non parlo di psicofarmaci, sennò la goduria sarebbe più lunga. Lavoro, quello è un incubo. Chiarisco, non per tutti. Per quelli che come me, non avendo mai leccato il culo a nessuno, pagano le proprie colpe. Giustamente. Interamente, senza sconti, senza pietà. Ed è tutto corretto: non puoi appellarti.

Qualche mese fa, in un tribunale (e lì che si parla spesso del lavoro, qualcuno mi ha detto che per i mestieri "non qualificati" non c'è futuro. Ah, bene. Certamente il mondo si sta spostando verso le specializzazioni alte. Internet ha cambiato ogni cosa ed è solo l'inizio. Tutto va così veloce che nemmeno chi ci sta dentro riesce a tenere il passo. Dietro la scrivania c'è già qualcuno che ne sa più di te, o ha un'idea geniale, un'applicazione fottutamente innovativa o ha fatto tre master al "MIT".

Di questo …

Talula, eh?

"Talula, eh?'", dice la figlia di un'amica che ancora non si esprime in maniera fluente: "Paura, eh?" sta a significare. Ci si arriva da soli. E' la maniera così spontanea e pulita di chi ancora non sa "dire" ciò che prova, ma che sente perfettamente cosa significhi quel momento, quell'attimo: magari scendendo da uno scivolo, sbucciandosi le ginocchia, come spero sempre facciano più bambini possibile.
Che è meglio che imparare da un videogioco o dalle noiose parole degli adulti.

Eppure mi ha fatto pensare alle mie, di paure. Ormai, vista la vetusta età, acclarate e persino persistenti. E immagino pensiate soprattutto a quella della morte, della fine della corsa, dell'arriverderci e grazie, è stato bello ma breve. In effetti ci penso spesso, ma debbo ammettere, con un filo di sovraeccitazione, che non è la peggiore.
A volte vira verso l'indifferenza o, non me ne vogliate, la liberazione.

Ne ho mille altre: politiche (be', questa è …