Passa ai contenuti principali

Disunità



Giuro che non ve la meno con le storie sulla tristezza di un quotidiano che chiude: che non vi annoio con i discorsi sulla libertà di stampa e d'opinione, sul fatto che la pluralità di voci ci rende migliori. Sono cose che si scrivono ogni volta che chiude una testata giornalistica. Ogni volta. Non sto dicendo che siano fregnacce, ma inutile ribadirle.

Se "l'Unità" se ne va (spero solo momentaneamente), la colpa è anche del fatto che io, per esempio, non la compravo sempre e comunque, come posso fare con altri giornali (vedi "il manifesto", che da anni sta a galla per miracolo). Giriamoci pure attorno, ma ormai è più semplice andare di mouse che spendere 1,50€ per sfogliare la carta. Tutto circola, tutto si rimanda, si passa, si invia, si fa "like".

Questo è un fatto su cui si riflette da anni e ciò che verrà sarà il mutamento delle nostre abitudini (e finirà l'era del tutto gratis) di lettura, anche dei quotidiani. Non sto dicendo che "l'Unità", come altri, non l'abbia capito, non è il punto. La questione è che in uno Stato dove quasi nessuno legge nulla, i primi a temere i colpi dei liquidatori sono proprio coloro che hanno tradizione, che vengono da lontano, che si sa da che parte stanno (non come certi colossi che vanno dove va il vento).

Quelli, insomma, che non hanno paura della coerenza, che pagano i propri errori sulla loro busta paga, che non hanno protettori e padrini. Sarà sempre così.

Stavo leggendo su "Twitter" qualcuno affermare che bisogna chiedersi se "l'Unità" non chiuda perchè i suoi giornalisti non piacciono alla gente. Se questo fosse il metro (sic), allora rimarrebbe un unico quotidiano, probabilmente con duecento pagine, di cui metà scritte da gente che all'Università faceva sega tutti i giorni e che sa tutto su Beyoncè, ma nulla del mondo reale.

E comunque, seguendo il "ragionamento", "Libero" non doveva neanche nascere.

Commenti

  1. se penso alle domeniche mattina spese su e giù per le scale a suonare ai campanelli dei 'compagni' e 'simpatizzanti' che ti pure entrare alcuni e ti offrivano il caffé.. ma quei tempi non ci sono più, finiti!
    poi la trovata del Partito Democratico con la 'Festa Democratica'... quest'anno un estremo guizzo 'Festa Democratica dell'Unità' come se ci fossero anche delle feste antidemocratiche...
    A me dispiace, anch'io non la compro da parecchi anni, ora mi tengo il Manifesto e quando voglio incavolarmi il Fatto..
    Sai che mi meraviglia? che col 41% dei voti, Renzi e tutti i suoi PDini non riescano a tenere su il loro giornale.....si vede che tutto sommato non gliene importa poi molto...
    ciao e buon Ferragosto!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

O bello. Ciao.

Il gioco era di quelli possibili per tutti. Quando sono entrato in Facebook, dieci anni fa, ci si baloccava alla grande: come sempre era tutto da fare. Conoscevi un sacco di gente e pure bella, interessante, piacevole. Cazzeggio. Poi si va sul serio: ogni tipo di serietà, dalla politica al calcio (che serio non può mai essere), la musica, arte, quello che ti pare. E la cosa cresce, in termini di tempo. E poi di ansia. Chi dice che i "social network" creano angoscia e isolano non sbaglia. Non ha nemmeno ragione, comunque.

E iniziano i discorsi sull'uso del mezzo e non della sua inutilità: ma, infatti, Facebook non è mai stato inutile. E' cambiato, perchè è mutata la gente, il suo modo di approcciarsi al coso blu. Poi la spirale, per me da sempre debole da questo punto di vista, dell'affermazione: quanti hanno letto? E' piaciuto? Perchè quell'altro mi dice di lasciar perdere, che so?, la politica? La mia amica legge lui e non me. Che cazzo. No.

No, perchè …

L' effetto che fa.

A volte sembra quasi un incubo. Lucido e reale. Di quelli da cui ti svegli nei rari momenti di serenità che riesci a strappare qui e là. No, non parlo di psicofarmaci, sennò la goduria sarebbe più lunga. Lavoro, quello è un incubo. Chiarisco, non per tutti. Per quelli che come me, non avendo mai leccato il culo a nessuno, pagano le proprie colpe. Giustamente. Interamente, senza sconti, senza pietà. Ed è tutto corretto: non puoi appellarti.

Qualche mese fa, in un tribunale (e lì che si parla spesso del lavoro, qualcuno mi ha detto che per i mestieri "non qualificati" non c'è futuro. Ah, bene. Certamente il mondo si sta spostando verso le specializzazioni alte. Internet ha cambiato ogni cosa ed è solo l'inizio. Tutto va così veloce che nemmeno chi ci sta dentro riesce a tenere il passo. Dietro la scrivania c'è già qualcuno che ne sa più di te, o ha un'idea geniale, un'applicazione fottutamente innovativa o ha fatto tre master al "MIT".

Di questo …

Talula, eh?

"Talula, eh?'", dice la figlia di un'amica che ancora non si esprime in maniera fluente: "Paura, eh?" sta a significare. Ci si arriva da soli. E' la maniera così spontanea e pulita di chi ancora non sa "dire" ciò che prova, ma che sente perfettamente cosa significhi quel momento, quell'attimo: magari scendendo da uno scivolo, sbucciandosi le ginocchia, come spero sempre facciano più bambini possibile.
Che è meglio che imparare da un videogioco o dalle noiose parole degli adulti.

Eppure mi ha fatto pensare alle mie, di paure. Ormai, vista la vetusta età, acclarate e persino persistenti. E immagino pensiate soprattutto a quella della morte, della fine della corsa, dell'arriverderci e grazie, è stato bello ma breve. In effetti ci penso spesso, ma debbo ammettere, con un filo di sovraeccitazione, che non è la peggiore.
A volte vira verso l'indifferenza o, non me ne vogliate, la liberazione.

Ne ho mille altre: politiche (be', questa è …