Passa ai contenuti principali

Keep calm. Però sul serio.



Qui, ormai, non si parla di cambiamenti epocali: si tratta di cambiamenti quotidiani. La nostra giornata è scandita dai ritmi dell'Internet e non solo per i rapporti tra le persone, ma per qualsiasi ambito sia immaginabile. Nell'arco di ventiquattro ore scambiamo una mole di informazioni, immagini, pensieri ed omissioni che la nostra vita, la nostra storia muta in un loop infinito. Mentre spesso si cerca di regolamentare ciò che appare un diritto (con tutte le conseguenze che questa parola ha), ci aggrappiamo con costante pervicacia al nostro "io" digitale, la proiezione immaginifica del nostro essere umani, persone.

Rirproduciamo, con la velocità quasi del pensiero stesso che sottende all'atto, tutto quello che pensiamo di essere o che vorremmo divenire. Costante dell'opera è la rappresentazione del sé, la meccanizzazione del proprio vissuto: un mondo nel mondo digitale, un parallelo di pixel e non di espressioni. Eppure bastano due righe, messe giù in maniera "sbagliata" (il più delle volte frettolosa, via) per reintrodurre un sentimento, un eccesso, uno spaesamento più che reale.

L'aggressività è molto concreta, non lo si dice da adesso, sulle pagine digitali. Non è una questione, non solo, di quella che veniva definita "netiquette", ma proprio di un ribaltamento della prospettiva. Se guardiamo un filmato con i micetti che corrono dietro ad un bambino, al novanta per cento troveremo commenti ilari, teneri o al più ironici. Eppure se ci si guasta un telefono e la cosa ci rende nervosi, dopo averlo scritto, non ammettiamo lezioni da chi, eventualmente, ci dice che abbiamo sbagliato nel suo uso.

Quasi come se la possibilità di esprimere un disagio (comprensibile, anche se sempre meno necessario) attirasse una pletora di professori che, gratuitamente, dispensano il loro sapere. Il fatto potrebbe essere volto a nostro favore: magari impariamo qualcosa, capiamo che un comportamento non è corretto, ci ragioniamo su. Ma guardatevi attorno: è la stura al momento no della giornata, in cui, barricati dietro alla tastiera, tutti stanno contro tutti.

Eppure ciarliamo di ragionevolezza ed equilibrio (prendete il caso di due giorni fa: l' "OMS" che dice che la carne fa male. Sembra una guerra Mondiale.) tra di noi, magari bevendo un buon bicchiere seduti in un bar. Tutte cose che svaniscono sempre più rapidamente sul web: un "cupio dissolvi" anche della meccanica elementare dell'educazione.

La tendenza dell'uomo dovrebbe essere la crescita e con questi strumenti ciò può avvenire più facilmente (ma non con meno sforzo di dedizione e volontà), più piacevolmente, più velocemente. Siamo ancora, impantanati, invece, in quel fiume di livore che prende forza da noi stessi. Non dico che servirebbe poco a deviarlo e farlo divenire un ruscello su cui fermarsi a riflettere, ma non provarci è davvero un peccato.
Digitare con serenità equivale a non costruire un personaggio diverso di "noi", ma a essere noi. Magari con calma.


Post popolari in questo blog

Perchè mi frega

Francamente non mi interessa. Non mi interessa quale potrebbe essere il vostro schieramento politico, la vostra idea della politica o se sapete cosa può (o potrebbe) essere la politica. Io non sono uno di quelli che si definiscono "osservatori privilegiati": fossimo ai tempi bui, potrei al massimo aspirare alla parte di servo della gleba con propensione a mettersi nei casini, dato che il culo non lo lecco a nessuno.

Non mi interessa neppure se non andate a votare, se ci andate, se vi fotografate mentre fate il dito medio tenendo in mano la scheda elettorale o se la vostra scrutatrice è una bella figliola e voi vorreste invitarla a pranzo, prima sapendo da che parte sta. E mi frega anche di meno se, il cinque marzo, farete ascese ardite e risalite per dire "Io lo sapevo" (tutti lo sanno, dopo).
Non mi frega proprio: vi prego, credetemi.

Arrivo a dire che non mi alza nulla neppure sapervi, che so?, fascisti. E sì che io, i fascisti, li aborro un attimo. Detto da uno…

Miserabili now

Qualche giorno fa, leggendo il solito bel post dell'amico Gilberto, mi sono soffermato su un termine da lui usato: miserabile. Adesso esulo dal contesto in cui lui lo inseriva e me ne servo per tutt'altro discorso. La parola la uso piuttosto poco: di solito è per definire una persona che disprezzo, per cui non ho alcuna stima, un perfetto coglione, per essere estremamente chiari.
E cercherò di essere cristallino.

Le cose, lo sapete, valgono assai di più se provate sulla propria pelle. Le esperienze più delle parole; un assioma. Se non hai mai potato un albero non sai quale sia la fatica o i problemi che comporta: è solo per dire che ci riempiamo la bocca di opinioni su mille cose, ma ciò che viviamo è quello che conosciamo davvero. Il resto sta alla nostra attenzione, preparazione, agli interessi, a dove e cosa impariamo.

Facciamo così. Io vi dico che adesso so per certo che significhi essere un miserabile, lavorativamente ed economicamente parlando. Non che io abbia mai vissuto …

Talula, eh?

"Talula, eh?'", dice la figlia di un'amica che ancora non si esprime in maniera fluente: "Paura, eh?" sta a significare. Ci si arriva da soli. E' la maniera così spontanea e pulita di chi ancora non sa "dire" ciò che prova, ma che sente perfettamente cosa significhi quel momento, quell'attimo: magari scendendo da uno scivolo, sbucciandosi le ginocchia, come spero sempre facciano più bambini possibile.
Che è meglio che imparare da un videogioco o dalle noiose parole degli adulti.

Eppure mi ha fatto pensare alle mie, di paure. Ormai, vista la vetusta età, acclarate e persino persistenti. E immagino pensiate soprattutto a quella della morte, della fine della corsa, dell'arriverderci e grazie, è stato bello ma breve. In effetti ci penso spesso, ma debbo ammettere, con un filo di sovraeccitazione, che non è la peggiore.
A volte vira verso l'indifferenza o, non me ne vogliate, la liberazione.

Ne ho mille altre: politiche (be', questa è …