Passa ai contenuti principali

L' effetto che fa.



A volte sembra quasi un incubo. Lucido e reale. Di quelli da cui ti svegli nei rari momenti di serenità che riesci a strappare qui e là. No, non parlo di psicofarmaci, sennò la goduria sarebbe più lunga. Lavoro, quello è un incubo. Chiarisco, non per tutti. Per quelli che come me, non avendo mai leccato il culo a nessuno, pagano le proprie colpe. Giustamente. Interamente, senza sconti, senza pietà. Ed è tutto corretto: non puoi appellarti.

Qualche mese fa, in un tribunale (e lì che si parla spesso del lavoro, qualcuno mi ha detto che per i mestieri "non qualificati" non c'è futuro. Ah, bene. Certamente il mondo si sta spostando verso le specializzazioni alte. Internet ha cambiato ogni cosa ed è solo l'inizio. Tutto va così veloce che nemmeno chi ci sta dentro riesce a tenere il passo. Dietro la scrivania c'è già qualcuno che ne sa più di te, o ha un'idea geniale, un'applicazione fottutamente innovativa o ha fatto tre master al "MIT".

Di questo ho scritto tempo fa ed ora, che sono in una sacca in cui non so che fine (lavorativa) farò, mi tornano su, quasi da rigurgitare, certi argomenti. Perchè chiunque ha bisogno di questi lavoro "bassi" e lo si sa. Eppure l'etica, il semplice rispetto per coloro che li svolgono sono evaporati: quasi come quella cosa chiamata educazione, che ormai sta diventando mito.§

Lo stress fisico, ma soprattutto morale è indicibile e poco spiegabile. Ma anche questo ve l'ho detto. Che c'è di nuovo? Quasi nulla, se non che l'età inizia a farsi sentire ed anche quei pensieri di tempo mancante che si assottiglia. Sempre più spesso mi ritrova a fantasticare di carriere, di arroganza, di ipocrisia che non verranno portate nella tomba: da nessuno. E' consolante, per certi versi, vedere l'affanno che prende milioni di persone nel loro gioco di personale affermazione continuare a fare la pelle ai poveri cristi, cui rubano tutto, dalla dignità in giù.

Non essendoci un Dio che li salverà, e neppure una cazzo di ricompensa nell'alto dei cieli, chissà come ci resteranno, alla fine della corsa. Leggere Totò, prego. Che spesso i guitti, quelli che ci sembrano macchiette, capiscono più dei fini pensatori. Perchè è una corsa senza vincitori né vinti. Lo sapete, dai.

Prometto il prossimo post più leggero.
Intanto provo a ridere in faccia ad una massa di coglioni che vive meglio di me, sicuramente, Ma non per invidia.
Per vedere l'effetto che fa.

Commenti

  1. non so l'effetto che fa, ci ho pensato anche io, ma non ho risposte e non so nemmeno se lo voglio provare però l'effetto che fa questo post mi vien voglia di darti un bacio sulla guancia

    RispondiElimina
  2. Grazie, Cri. Lo sapevo che tu avresti capito ed il bacio sarebbe un privilegio.

    RispondiElimina
  3. sono commossa, non avrei saputo dirlo meglio....il mio disagio

    RispondiElimina
  4. Mi spiace che tu sia anonima. Almeno potevo ringraziarti meglio.
    Il disagio è una cosa che esiste da sempre, almeno in un società liberale e consumistica come quella che abbiamo contribuito a creare.
    Non che se regnasse un modo di vivere diverso non ci sarebbe.
    E' che io penso che disuguaglianze sempre più ampie conducano solo a un baratro da cui nessuno, nemmeno quelli che si credono "potenti", potrebbero uscire.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

O bello. Ciao.

Il gioco era di quelli possibili per tutti. Quando sono entrato in Facebook, dieci anni fa, ci si baloccava alla grande: come sempre era tutto da fare. Conoscevi un sacco di gente e pure bella, interessante, piacevole. Cazzeggio. Poi si va sul serio: ogni tipo di serietà, dalla politica al calcio (che serio non può mai essere), la musica, arte, quello che ti pare. E la cosa cresce, in termini di tempo. E poi di ansia. Chi dice che i "social network" creano angoscia e isolano non sbaglia. Non ha nemmeno ragione, comunque.

E iniziano i discorsi sull'uso del mezzo e non della sua inutilità: ma, infatti, Facebook non è mai stato inutile. E' cambiato, perchè è mutata la gente, il suo modo di approcciarsi al coso blu. Poi la spirale, per me da sempre debole da questo punto di vista, dell'affermazione: quanti hanno letto? E' piaciuto? Perchè quell'altro mi dice di lasciar perdere, che so?, la politica? La mia amica legge lui e non me. Che cazzo. No.

No, perchè …

The Spaghetti Code

Da qualche mese, abbandonato "Facebook" (con grande sollievo), ho riversato le mie attenzioni, sempre dettate dalla voglia di diventare, ovviamente, un "influencer" (risate), su "Twitter". Esso è un oggetto ancora oscuro a molti: non viene compreso, è troppo complesso (sic), gli hastag questi sconosciuti e non si può scrivere quanto si vuole. Quest'ultima frase mi fa pensare di aver fatto una buona scelta. 480 caratteri sono pure troppi, spesso, e imparare a fare sintesi è un ottimo esercizio. sia grammaticale che mentale. E poi Twitter è bello cinico, molto più da grandicelli che il coso di Zuck. Almeno, così la vedo.

Quando ho iniziato a seguire l'hastag #facciamorete, capitandoci un po' per caso ed un pochino seguendo il trend, mi sono chiesto cosa fosse, in realtà. Creare delle comunità di utenti unite da un # può risultare anche facile, se si usano le armi dell'attualità, della moda del momento o dei personaggi mediatici. Diverso, mo…