Passa ai contenuti principali

Oltre il vecchio che resta





Grillo è solo l'ultimo, in ordine di tempo, a parlare del Sindacato come di un'organizzazione superata. Ci provano, a farlo credere, migliaia di persone ogni giorno, sopratutto a quelli che, invece, lo ritengono ancora una sorta di difesa ineludibile per i diritti dei lavoratori. Qui dobbiamo chiarire, invece, il ruolo attuale del Sindacalismo in Italia. Le lotte fatte, all'alba dell'industrializzazione e della presa di coscienza dei lavoratori tutti, sono storia: una storia possente e decisiva, crudele ed esaltante. Dagli anni '80 in poi, con la consapevolezza che l'industria Italiana era (ed è) immobile, si sono trasformate le barricate in casseforti, dove mantenere un alto numero di iscritti, funzionali alla sopravvivenza di apparati burocratici e di categoria sempre più ampi. Non che non si sia lottato, che non si siano migliorate ulteriormente tante cose, non che ci sia scordati la funzione primaria del Sindacato, ma intorno è mutato tutto il contesto. Ormai molti degli iscritti sono pensionati, extracomunitari (che ci credono, eccome) e chi ha ancora uno spirito combattivo. in realtà, cosa fanno, adesso, i triumviri delle tre Organizzazioni più grandi? Ballano. Si appoggiamo a questo o a quel Governo (due di loro), lasciando il terzo a sostenere il peso delle gravissime crisi che ci distruggono da anni. Quindi, non c'è più unità d'intenti: quelli con le palle (vedi Landini) sono guardati come la mummia di Lenìn, al più un oggetto da mettere in mostra quando la gente capisce che non c'è più molto altro. Carrozzoni svuotati, spesso, di professionalità, autoindulgenti, complessi e costosi. Grillo è certamente troppo "tranchant", perchè manca in lui, ed in moltissimi altri, il desiderio vero di imbastire un cambiamento del Sindacato, un ammodernamento. Contribuire alla difesa del lavoro non significa solo battaglie di principio, ma anche imparare l'autocritica, guardare fuori dai recinti, non difendere l'indifendibile, ma ragionare sulla maniera migliore per evitare danni peggiori a tutti. Spesso ci si trova di fronte a sindacalisti che hanno, in sè, gli stessi germi dei politici e delle vecchie istituzioni industriali che vogliono combattere: la sedia ben attaccata al sedere, un effluvio di bei concetti e riunioni su riunioni. Insomma, molte parole, molti scioperi, ma sullo sfondo un film che va avanti senza di loro. Il Sindacato serve, il Sindacato ci deve essere, deve avere un ruolo da protagonista, ma ha anche bisogno di guardare a sè con meno orgoglio datato e con più consapevolezza che il mondo intero è mutato.
Adattarsi o morire.

[Un grazie a Gaia Fabrizia Righi per lo spunto e l'approfondimento]

Post popolari in questo blog

Perchè mi frega

Francamente non mi interessa. Non mi interessa quale potrebbe essere il vostro schieramento politico, la vostra idea della politica o se sapete cosa può (o potrebbe) essere la politica. Io non sono uno di quelli che si definiscono "osservatori privilegiati": fossimo ai tempi bui, potrei al massimo aspirare alla parte di servo della gleba con propensione a mettersi nei casini, dato che il culo non lo lecco a nessuno.

Non mi interessa neppure se non andate a votare, se ci andate, se vi fotografate mentre fate il dito medio tenendo in mano la scheda elettorale o se la vostra scrutatrice è una bella figliola e voi vorreste invitarla a pranzo, prima sapendo da che parte sta. E mi frega anche di meno se, il cinque marzo, farete ascese ardite e risalite per dire "Io lo sapevo" (tutti lo sanno, dopo).
Non mi frega proprio: vi prego, credetemi.

Arrivo a dire che non mi alza nulla neppure sapervi, che so?, fascisti. E sì che io, i fascisti, li aborro un attimo. Detto da uno…

Miserabili now

Qualche giorno fa, leggendo il solito bel post dell'amico Gilberto, mi sono soffermato su un termine da lui usato: miserabile. Adesso esulo dal contesto in cui lui lo inseriva e me ne servo per tutt'altro discorso. La parola la uso piuttosto poco: di solito è per definire una persona che disprezzo, per cui non ho alcuna stima, un perfetto coglione, per essere estremamente chiari.
E cercherò di essere cristallino.

Le cose, lo sapete, valgono assai di più se provate sulla propria pelle. Le esperienze più delle parole; un assioma. Se non hai mai potato un albero non sai quale sia la fatica o i problemi che comporta: è solo per dire che ci riempiamo la bocca di opinioni su mille cose, ma ciò che viviamo è quello che conosciamo davvero. Il resto sta alla nostra attenzione, preparazione, agli interessi, a dove e cosa impariamo.

Facciamo così. Io vi dico che adesso so per certo che significhi essere un miserabile, lavorativamente ed economicamente parlando. Non che io abbia mai vissuto …

Talula, eh?

"Talula, eh?'", dice la figlia di un'amica che ancora non si esprime in maniera fluente: "Paura, eh?" sta a significare. Ci si arriva da soli. E' la maniera così spontanea e pulita di chi ancora non sa "dire" ciò che prova, ma che sente perfettamente cosa significhi quel momento, quell'attimo: magari scendendo da uno scivolo, sbucciandosi le ginocchia, come spero sempre facciano più bambini possibile.
Che è meglio che imparare da un videogioco o dalle noiose parole degli adulti.

Eppure mi ha fatto pensare alle mie, di paure. Ormai, vista la vetusta età, acclarate e persino persistenti. E immagino pensiate soprattutto a quella della morte, della fine della corsa, dell'arriverderci e grazie, è stato bello ma breve. In effetti ci penso spesso, ma debbo ammettere, con un filo di sovraeccitazione, che non è la peggiore.
A volte vira verso l'indifferenza o, non me ne vogliate, la liberazione.

Ne ho mille altre: politiche (be', questa è …