Passa ai contenuti principali

Riflessioni di un cittadino confuso - Uno


"Grande è il disordine nel cielo, ma anche qui da noi è un bel casino", diceva Paolo Rossi. Non che fossero tempi meno sospetti. In Italia, praticamente, ogni periodo storico è sospetto o, perlomeno, pieno di sospettati. Di cosa? Di tutto. Piagnistei e lamentele facciamo che sono esauriti, così sembra qualcosa di diverso. Invece, dopo dieci anni di Blog, questa è l'ennesima volta che potrei parlare di elezioni: ho perso il conto. I conti nostri, invece, se li perdono le banche, da qualche parte nello scaffale, tra i fascicoli "derivati" e quelli "mazzette". Oppure potremmo dire dello stato sociale, che si azzera davanti ai nostri poveri occhi stanchi, orbati da una montagna di imposizioni fiscali che neanche Nordio sarebbe riuscito a scalare. Eh, il pessimismo; giuoco Nazionale da affiancare a quelli dopati e milionari che fanno anche politica, adesso. Se il Balotelli i fa guadagnare due punti sul PD, e chi sono io per non prenderlo? Nell'urna non ci si va con la testa ed il ragionamento, ma con la sciarpa e la bandiera. O, ancora, posso far finta di niente su tutto, cercare di sopravvivere e respirare meno miasmi possibilie. E' comodo, è normale, potrebbe venir finanche utile.
Però, non so, qualcosa mi sfugge.
Sono decisamente confuso.
Magari è solo l'inizio.

Commenti

  1. Non solo sei ritornato.... ma sei tornato alla grandissima!!!
    Sai che c'è, con tutto 'sto casino e il miasma dovuto alla putrefazione di tutto il marciume oggetto di tutte le suddette elezioni si fa come quando si ripulisce un frigorifero pieno di schifezze vecchie, stantie e puzzolenti: si inizia a buttare tutto.
    Inutile star dietro alla confusione. Vita nuova. Non c'è tempo da sprecare.

    RispondiElimina
  2. Eh, che buono che sei. Penso che molte persone siano così sfiancate da non voler neanche provarci, a riflettere. Però teniamo conto che ce ne sono di più a cui proprio non frega nulla di nulla: stipendio, TV e Balotelli.

    RispondiElimina
  3. "Panem et circenses" ... purtroppo nulla di nuovo sotto il sole! ;-)
    (Due frasi fatte in una riga sola è da competizione!)

    RispondiElimina
  4. E continuerò, mi sa. Questo è solo il primo capitolo. E senza bere caffè! :-D

    RispondiElimina
  5. Gaia Fabrizia Righi30 gennaio 2013 12:56

    Facciamo che si eliminino, prima di tutto, le diseguaglianze.
    Non quelle economiche, per carità, è solo togliendo un mattone a tanti poveri cristi che il magnate può costruire il grattacielo da cui distribuire mattoni ad alcuni altri poveri cristi,pasaando per uomo per bene.
    Mi accontento che ciascuno sia uguale di fronte alle legge.
    Il resto, ne consegue.
    Statemi bene entrambi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si gode lo stesso, anche se ci si contenta. Perchè di fronte alla legge non si è tutti uguali, per il semplice fatto che c'è sempre qualcuno che la legge l'ha fatta, e qualcuno che, non avendola fatta, deve solo ... accontentarsi. Senza godere.
      E' indolenza questa?

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

O bello. Ciao.

Il gioco era di quelli possibili per tutti. Quando sono entrato in Facebook, dieci anni fa, ci si baloccava alla grande: come sempre era tutto da fare. Conoscevi un sacco di gente e pure bella, interessante, piacevole. Cazzeggio. Poi si va sul serio: ogni tipo di serietà, dalla politica al calcio (che serio non può mai essere), la musica, arte, quello che ti pare. E la cosa cresce, in termini di tempo. E poi di ansia. Chi dice che i "social network" creano angoscia e isolano non sbaglia. Non ha nemmeno ragione, comunque.

E iniziano i discorsi sull'uso del mezzo e non della sua inutilità: ma, infatti, Facebook non è mai stato inutile. E' cambiato, perchè è mutata la gente, il suo modo di approcciarsi al coso blu. Poi la spirale, per me da sempre debole da questo punto di vista, dell'affermazione: quanti hanno letto? E' piaciuto? Perchè quell'altro mi dice di lasciar perdere, che so?, la politica? La mia amica legge lui e non me. Che cazzo. No.

No, perchè …

L' effetto che fa.

A volte sembra quasi un incubo. Lucido e reale. Di quelli da cui ti svegli nei rari momenti di serenità che riesci a strappare qui e là. No, non parlo di psicofarmaci, sennò la goduria sarebbe più lunga. Lavoro, quello è un incubo. Chiarisco, non per tutti. Per quelli che come me, non avendo mai leccato il culo a nessuno, pagano le proprie colpe. Giustamente. Interamente, senza sconti, senza pietà. Ed è tutto corretto: non puoi appellarti.

Qualche mese fa, in un tribunale (e lì che si parla spesso del lavoro, qualcuno mi ha detto che per i mestieri "non qualificati" non c'è futuro. Ah, bene. Certamente il mondo si sta spostando verso le specializzazioni alte. Internet ha cambiato ogni cosa ed è solo l'inizio. Tutto va così veloce che nemmeno chi ci sta dentro riesce a tenere il passo. Dietro la scrivania c'è già qualcuno che ne sa più di te, o ha un'idea geniale, un'applicazione fottutamente innovativa o ha fatto tre master al "MIT".

Di questo …

Talula, eh?

"Talula, eh?'", dice la figlia di un'amica che ancora non si esprime in maniera fluente: "Paura, eh?" sta a significare. Ci si arriva da soli. E' la maniera così spontanea e pulita di chi ancora non sa "dire" ciò che prova, ma che sente perfettamente cosa significhi quel momento, quell'attimo: magari scendendo da uno scivolo, sbucciandosi le ginocchia, come spero sempre facciano più bambini possibile.
Che è meglio che imparare da un videogioco o dalle noiose parole degli adulti.

Eppure mi ha fatto pensare alle mie, di paure. Ormai, vista la vetusta età, acclarate e persino persistenti. E immagino pensiate soprattutto a quella della morte, della fine della corsa, dell'arriverderci e grazie, è stato bello ma breve. In effetti ci penso spesso, ma debbo ammettere, con un filo di sovraeccitazione, che non è la peggiore.
A volte vira verso l'indifferenza o, non me ne vogliate, la liberazione.

Ne ho mille altre: politiche (be', questa è …