Passa ai contenuti principali

Il gioco delle tre carte


"La versione di Letta" è servita. Date tre carte, di cui una sola vincente, imparare dai baracchini del gioco illegale come muoverle e far uscire sempre e solo quella. Il contrario della truffa, ma il benessere degli Italiani. Se non ci saranno più nuove tasse, a scanso di idee innovative, aumentiamo quelle esistenti, perchè la fonte che dà acqua è sempre la stessa. Barcamenarsi è la parola d'ordine: quella di verifica è rinviare. Il tempo è galantuomo, si suol dire, ma, evidentemente, anche un mago. Tra tre mesi, oplà, ci saranno i soldi per non aumentare l'IVA, vero? Oppure, in un moto di fantastica presa di coscienza, quattordici miliardi per caccia militari non si troveranno. E poi dicono che le favole non son vere. Tappa qui, tappa là, lo scafo fa ancora acqua: neppure tanto divertimento a bordo, oltretutto, visto che il satrapo mummificato s'è scornato e deve star buonino (a cuccia).
Altrochè estate calda: moriremo di freddo, avremo i brividi e per quando sarà Ottobre, chi non è emigrato, tornerà a far legna in quei quattro boschi rimasti dopo gli incendi (che si spengono con gli F-35, notoriamente).
Buona fortuna.

Commenti

  1. la cosa che mi fa rosicare è che questo è nato come un esecutivo di emergenza, e poi invece tutto quello che fa è rinviare: mi spiegate allora a cosa serve?
    ciao danielone, un abbraccio!
    luca

    RispondiElimina
  2. Ciao, Luca! Che bello rileggerti. Ci vediamo su "Tumblr"?
    Un abbraccio a te.

    RispondiElimina
  3. naaa, niente più tumblr, dopo anni di amore mi sono cancellato, era una vertigine di cose interessantissime ma anche un'enorme divoratrice di tempo, per il mio bene ho preferito staccare, almeno per un po'
    meglio tornare a pensieri più ragionati, meno impulsivi, anche se con meno riscontri
    ciao baci,
    luca

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

O bello. Ciao.

Il gioco era di quelli possibili per tutti. Quando sono entrato in Facebook, dieci anni fa, ci si baloccava alla grande: come sempre era tutto da fare. Conoscevi un sacco di gente e pure bella, interessante, piacevole. Cazzeggio. Poi si va sul serio: ogni tipo di serietà, dalla politica al calcio (che serio non può mai essere), la musica, arte, quello che ti pare. E la cosa cresce, in termini di tempo. E poi di ansia. Chi dice che i "social network" creano angoscia e isolano non sbaglia. Non ha nemmeno ragione, comunque.

E iniziano i discorsi sull'uso del mezzo e non della sua inutilità: ma, infatti, Facebook non è mai stato inutile. E' cambiato, perchè è mutata la gente, il suo modo di approcciarsi al coso blu. Poi la spirale, per me da sempre debole da questo punto di vista, dell'affermazione: quanti hanno letto? E' piaciuto? Perchè quell'altro mi dice di lasciar perdere, che so?, la politica? La mia amica legge lui e non me. Che cazzo. No.

No, perchè …

L' effetto che fa.

A volte sembra quasi un incubo. Lucido e reale. Di quelli da cui ti svegli nei rari momenti di serenità che riesci a strappare qui e là. No, non parlo di psicofarmaci, sennò la goduria sarebbe più lunga. Lavoro, quello è un incubo. Chiarisco, non per tutti. Per quelli che come me, non avendo mai leccato il culo a nessuno, pagano le proprie colpe. Giustamente. Interamente, senza sconti, senza pietà. Ed è tutto corretto: non puoi appellarti.

Qualche mese fa, in un tribunale (e lì che si parla spesso del lavoro, qualcuno mi ha detto che per i mestieri "non qualificati" non c'è futuro. Ah, bene. Certamente il mondo si sta spostando verso le specializzazioni alte. Internet ha cambiato ogni cosa ed è solo l'inizio. Tutto va così veloce che nemmeno chi ci sta dentro riesce a tenere il passo. Dietro la scrivania c'è già qualcuno che ne sa più di te, o ha un'idea geniale, un'applicazione fottutamente innovativa o ha fatto tre master al "MIT".

Di questo …

Talula, eh?

"Talula, eh?'", dice la figlia di un'amica che ancora non si esprime in maniera fluente: "Paura, eh?" sta a significare. Ci si arriva da soli. E' la maniera così spontanea e pulita di chi ancora non sa "dire" ciò che prova, ma che sente perfettamente cosa significhi quel momento, quell'attimo: magari scendendo da uno scivolo, sbucciandosi le ginocchia, come spero sempre facciano più bambini possibile.
Che è meglio che imparare da un videogioco o dalle noiose parole degli adulti.

Eppure mi ha fatto pensare alle mie, di paure. Ormai, vista la vetusta età, acclarate e persino persistenti. E immagino pensiate soprattutto a quella della morte, della fine della corsa, dell'arriverderci e grazie, è stato bello ma breve. In effetti ci penso spesso, ma debbo ammettere, con un filo di sovraeccitazione, che non è la peggiore.
A volte vira verso l'indifferenza o, non me ne vogliate, la liberazione.

Ne ho mille altre: politiche (be', questa è …